Home page Notizie
I sostenitori della “Chiesa ortodossa in Ucraina” …

I sostenitori della “Chiesa ortodossa in Ucraina” hanno picchiato un anziano parrocchiano della Chiesa ortodossa ucraina

Secondo quanto riferito dalla diocesi di Cernivci-Bukovina, nella notte del 13 marzo 2021, nel villaggio di Zadubrivka, nella regione di Cernivci, sei sostenitori della struttura scismatica 'Chiesa ortodossa in Ucraina' hanno brutalmente picchiato Vasilij Kashchijuk, un parrocchiano di 63 anni della chiesa di San Michele della Chiesa ortodossa ucraina.

Dal 2019, la comunità della chiesa dedicata all'Arcangelo Michele nel villaggio di Zadubrivka, nella regione di Cernivci, svolge una veglia di preghiera 24 ore su 24 in difesa del proprio diritto di confessare la fede ortodossa liberamente e pacificamente. La veglia è iniziata dopo che alcuni "attivisti" hanno chiesto aggressivamente al rettore e ai parrocchiani di lasciare la chiesa, cercando di penetrare nel territorio della parrocchia, abbattendo i cancelli e lanciando pietre contro i fedeli. Il 4 maggio 2020, è stato fatto un nuovo tentativo di catturare la chiesa quando i predoni hanno deciso di utilizzare la morte dell'allora rettore, l'arciprete Leonid Delikatny, che insieme al suo gregge difendeva la chiesa contro gli aggressori, pregando e vegliando.

Finora, riferisce il servizio stampa diocesano, “ogni parrocchiano ha il suo turno per vegliare; la chiesa non è mai rimasta vuota perché nessuno conosce il giorno e l'ora del prossimo assalto”.

Padre Vitalij Durov, che ora si occupa della cura pastorale della parrocchia di San Michele, ha confermato all'Unione dei giornalisti ortodossi che la notte del 13 marzo Vasilij Kashchijuk ha iniziato la sua veglia notturna. Però poiché c'erano altre persone nella chiesa e siccome la mattina doveva andare a lavorare, è tornato a casa. Secondo il sacerdote, Vasilij è uno degli abitanti più pacifici e inoffensivi del paese, ed è per questo che l'attacco contro di lui sembra particolarmente cinico'.

Alle dodici e mezza Vasilij è uscito dalla chiesa. A distanza di 300 metri, ha incontrato uno dei sostenitori dell '"COinU". E’iniziato un conflitto verbale. Sono venuti altri cinque uomini, tutti giovani, di età inferiore ai 20 anni. “Il defunto nonno di uno degli aggressori si era scontrato con l'allora rettore padre Leonid. Di conseguenza, Vasilij è stato ricoverato con una commozione cerebrale ed ematomi multipli”, ha detto il rettore della chiesa di Zadubrivka.

'Ricovero e lunga riabilitazione. Per una persona anziana, questi numerosi traumi potrebbero essere letali ”, sottolinea il servizio stampa diocesano.

Commentando questo episodio, il capo del dipartimento giuridico della Chiesa ortodossa ucraina, l'arciprete Alexandr Bakhov, ha sottolineato: "Questa azione vergognosa mostra in modo evidente che il progetto "COinU" ha portato nella nostra società una divisione religiosa. In realtà, l'unificazione di cui si è tanto parlato non è avvenuta”.

L'arciprete Alexandr ha affermato che in Ucraina le chiese continuano ad essere catturate e le persone sono costrette a unirsi alla "COinU". Gli statisti, basandosi su decisioni falsificate, presentate come decisioni di comunità religiose, registrano quest’ultime nuovamente come strutture della "COinU". "Sorge una domanda: perché una comunità dovrebbe essere unita alla "COinU"? In effetti, la legge consente di far parte di qualsiasi chiesa e di confessare qualsiasi fede. Il fatto stesso della creazione della "COinU" non è un motivo per cui una comunità religiosa deve cambiare la propria soggezione, tanto più che la Chiesa ortodossa ucraina non ha partecipato alla creazione di questa organizzazione", sottolinea padre Alexandr.

'Sono sicuro che si tenterà di presentare questo crimine come un conflitto domestico poiché non le autorità non sono interessate a conflitti per motivi religiosi', ha sottolineato il sacerdote, 'La responsabilità per questo crimine ricade sia sulle autorità locali che sulle forze dell'ordine che avranno a che fare con questo caso”.

A suo avviso, "se l'autorità continueranno a ignorare le violazioni dei diritti dei fedeli e delle comunità religiose della Chiesa ortodossa ucraina, ciò porterà a una catastrofe".

Поделиться:
Il Patriarca maronita ha ringraziato il Primate della Chiesa russa per la partecipazione al destino dei cristiani del Medio Oriente

13.04.2021

La lettera di ringraziamento del Patriarca d’Etiopia Abuna Mattia al Primate della Chiesa ortodossa russa

12.04.2021

Сondoglianze del Patriarca in occasione dell’attentato a Makasar in Indonesia

29.03.2021

Congratulazioni patriarcali all’arcivescovo Serafim di Sendai per il 70° compleanno

23.03.2021

Il Patriarca Kirill si congratula con il metropolita Porfirije per la sua elezione alla Sede Patriarcale serba

18.02.2021

Il Patriarca Kirill è stato insignito della più alta decorazione statale della Serbia

15.02.2021

Il Presidente della Russia Vladimir Putin si è congratulato con Sua Santità il Patriarca Kirill per l’anniversario della sua intronizzazione patriarcale

01.02.2021

Papa Francesco manda al Patriarca Kirill gli auguri natalizi

07.01.2021

Il Sacro Sinodo ha costatato l'impossibilità della comunione eucaristica con l'arcivescovo di Cipro Crisostomo

20.11.2020

В дистанционном формате прошло заседание Священного Синода Русской Православной Церкви

20.11.2020

Dichiarazione del Patriarca di Mosca e di tutta la Rus' Kirill sullo status della chiesa di Santa Sofia

06.07.2020

Messaggio pasquale di Sua Santità Kirill, Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’

18.04.2020

Messaggio natalizio di Sua Santità Kirill, Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’

06.01.2020

Messaggio natalizio di Sua Santità Kirill, Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’

05.01.2019

Il Patriarca Kirill ha discusso per telefono della situazione in Siria con Papa Francesco e i Patriarchi ortodossi del Medio Oriente

14.04.2018

Il presidente del Decr ha inviato le condoglianze per la morte del Cardinale Edward Cassidy

12.04.2021

Il metropolita Hilarion: l’attività di un politico non deve contraddire le sue convinzioni religiose

11.04.2021

Il periodo della pandemia non è propizio per i pellegrinaggi all’estero, pensa il metropolita Hilarion

11.04.2021

Il presidente del Decr incontra l'ambasciatore slovacco in Russia

06.04.2021

Il metropolita Hilarion: nei paesi occodentali l’ideologia del gender viene inculcata ai bambini in età da asilo

27.03.2021

Il metropolita Hilarion: la Chiesa non benedice le unioni omosessuali, poiché sono peccaminose

27.03.2021

Il metropolita Hilarion: proprio il cristianesimo ha causato l’abolizione della schiavitù

27.03.2021

Il presidente del Decr si è congratulato con l’arcivescovo Serafim di Sendai per il 70° annivesario

23.03.2021

Il metropolita Hilarion: in Ucraina è stata de facto bandita la Chiesa canonica

20.03.2021

Il metropolita Hilarion: la scismatica “Chiesa ortodossa in Ucraina” non ha ricevuto un’autocefalia reale

20.03.2021

Il metropolita Hilarion: l’ideologia europea diventa fondamentalmente antireligiosa

14.03.2021

Il metropolita Hilarion ha sottolineato l’importanza degli incontri inter-ortodossi nel “format di Amman”

13.03.2021

Il metropolita Hilarion: Chiese e comunità religiose diventano bersagli per la comunità LGBT

28.02.2021

Il metropolita Hilarion: il patriarca di Costantinopoli non ha gregge in Ucraina

27.02.2021

Il presidente del DECR ha incontrato il nuovo ambasciatore russo in Ungheria

26.02.2021

Commenti

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

Invia un messaggio