Home page Notizie
I rappresentanti delle chiese catturate della Chiesa or…

I rappresentanti delle chiese catturate della Chiesa ortodossa ucraina si sono rivolti alle autorità del paese

Il 22 febbraio 2021 i partecipanti del congesso deirappresentanti delle chiese catturate della Chiesaortodossa ucraina hanno approvato l’appello alleautorità dell’Ucraina: al Presidente dell’Ucraina V. A. Zelenskij, al primo ministro D. A. Shmygal, allo speaker del Consiglio supremo dell’Ucraina D. A. Razumkov e ai deputati di quest’organo legislativo.

Nell’appello, fra l’altro, si dice: 

“Noi, partecipanti al congresso dei rappresentanti delle parrocchie delle chiese catturate della Chiesa ortodossa ucraina (in seguito, COU), ci rivolgiamo a voi con la richiesta di difendere il valore più grande – la nostra vita e anche la salute e la sicurezza nostre e dei membri delle nostre famiglie. 

Ci rivolgiamo a voi a nome dei fedeli della nostra Chiesa i quali durante le catture delle chiese hanno avuto lesioni gravi: teste perforate, braccia rotte, molte percosse.  Ci rivolgiamo anche a nome di tanti chiericii quali, senza alcun motivo, vengono chiamati incontinuità per interrogatori nella polizia  e soffrono umiliazioni.

Ci rivolgiamo a voi a nome della famiglia delsacerdote della Chiesa ortodossa ucraina LeonidDelikatnyj, la cui salute è stata irremediabilmente compromessa a causa delle minacce incessanti, del ricatto, della pressione psicologica legati alle tentative di trasferire a forza la sua comunità religiosa ad un’altra confessione. 

Ci rivolgiamo a voi a nome di Cristina Velusciak, unaragazza della Provincia di Chernivtsi, che non è stata ammessa al ballo scolastico perché frequenta “la Chiesa sbagliata”, e a nome di altri parrocchiani dellaCOU che soffrono delle limitazioni dei diritti civili a causa della loro fede. 

Ci rivolgiamo a voi a nome delle famiglie numerose dei sacerdoti della COU, le quali vengono cacciate fuori dalle case loro dai raider che rendono i piccoli bambini senzatetto. 

Ci rivolgiamo a voi a nome della gente semplice datutte le parti dell’Ucraina cui hanno preso oppurecercano di prendere (tramite la riregistrazione illecitadegli statuti delle parrocchie alle amministrazionistatali di provincie) le chiese che furono frequentateancora dai loro nonni e bisnonni. 

Sottolineiamo che, essendo la più grande comunità religiosa dell’Ucraina, noi purtroppo stiamo perperdere la speranza per la garanzia del diritto allalibertà religiosa da parte delle autorità statali e del governo supremo. La legislazione in vigore, che deveregolare i rapporti giuridici nella sfera religiosa nellostato, al contrario, rafforza la divisione della società, dividendo le persone tra loro e le altre, e questo porta alla crescita del numero delle contrapposizioniinterconfessionali, al rafforzamento dell’odio religioso e dei conflitti nello stato. La legge ucraina № 2673-VIII “Sul inserimento delle modifiche ad alcune leggidell’Ucraina riguardanti la subordinazione delle organizzazioni religiose e la procedura della registrazione statale delle organizzazioni religiose con lo status della persona giuridica” del 17.01.2019 e la legge ucraina № 2662-VIII “Sul inserimento delle modifiche al articolo 12 della legge dell’Ucraina “Sulla libertà di coscienza e sulle organizzazioni religiose”riguardanti i nomi delle organizzazioni (associazioni) religiose che sono incluse nella struttura (fanno parte) di una organizzazione (associazione) religiosa, il cui centro governativo (gestione) si trova al di fuori dell’Ucraina in uno stato riconosciuto dalla legge come tale quale ha fatto l’aggressione militare contro l’Ucraina e/o occuppato temporaneamente una parte del territorio dell’Ucraina”  del 20.12.2018 (in seguito, le leggi) violano gravemente il principio costituzionale della separazione dello stato dalla chiesa.

Dichiariamo la nostra preoccupazione profonda delfatto che negli ultimi anni il Ministero della culturadell’Ucraina, attraverso abusi e manipolazioni, adoperaqueste leggi anticostituzionali esclusivamente contro la Chiesa ortodossa ucraina e con un trattamento coatto cerca di privarla del suo nome proprio. I funzionari dello stato violano il principio di uguaglianza di tutte le confessioni religiose e limitano i diritti di una sola organizzazione religiosa fra le altre, ciò che è la discriminazione religiosa dei milioni di cittadini fedeli della Chiesa ortodossa ucraina. Le autorità stataliintervengono negli affari interni della Chiesa eimpongono la loro comprensione della sua struttura religiosa e gerarchica. Vengono trasgredite le normedella Costituzione dell’Ucraina  che escludono lapossibilità di stabilire requisiti speciali ai nomi delle organizzazioni religiose e regolamentano il diritto di ognuno di professare qualsiasi religione. Perciò lecomunità religiose della COU si trovano sotto lapressione continua fra le autorità statali e i raider, siamo privi della possibilità d’inserire modifiche neidocumenti costitutivi, cambiare i responsabili, aprire conti bancari, utilizzare i servizi dei notai, redigere i diritti alle terre sotto gli edifici ecclesiastici ecc. 

Alcune organizzazioni pseudoreligiose svolgono azioniprovocatorie che destabilizzano la società ucraina. Neimass media e internet si diffonde disinformazioneriguardo agli eventi religiosi che scredita la Chiesa ortodossa ucraina. Sono aumentati numericamente i crimini nella sfera religiosa e i processi giudiziari di appelli agli atti del governo e altri. L’uso delle leggianticostituzionali da parte dei raider porta al peggioramento del livello della libertà religiosa in Ucraina e alla formazione degli impedimenti seri al servizio spirituale e sociale delle Chiese e delle organizzazioni religiose. 

Le leggi sul cambiamento coatto del nome e della subordinazione non corrispondono alla Costituzione dell’Ucraina né ai trattati internazionali sui diritti umani. In particolare, le norme delle liggicontraddicono alle norme della Convenzione sulla protezione dei diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali, del Patto Internazionale sui diritti civili e politici e della Dichiarazione Universale dei diritti umani sulla tutela del diritto alla libertà religiosa.

Le comunità religiose della COU si trovano in una posizione disuguale rispetto alle altre organizzazioni religiose dell’Ucraina. La riregistrazione coatta, ilcambiamento dei nomi delle organizzazioni(associazioni) religiose e della subordinazione nelle questioni canoniche sono un intervento diretto nella libertà religiosa. Il diritto all’autonomia delleorganizzazioni religiose è garantito dalla Convenzione europea dei diritti dell'uomo e si riflette in numerose decisioni della Corte europea dei diritti dell’uomo. Unaorganizzazione religiosa ha il diritto di scegliere da sola il suo nome e di cambiarlo, e lo stato non ha il diritto di forzarla. Le leggi violano direttamente l’articolo 35 della Costituzione dell’Ucraina, l’articolo 9 della Convenzione sulla protezione dei diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali, l’articolo 18 del Patto Internazionale sui diritti civili e politici del 1966, l’articolo 18 della Dichiarazione Universale dei diritti umani del 1948”.  

Rivolgendosi al capo dello stato V. A. Zelenskij, ifedeli della Chiesa ortodossa ucraina  cha hannopartecipato al congresso sottolineano: “Egregio Signor Presidente, siamo il popolo, i cittadini dello stato unico dell’Ucraina, e siamo molto preoccupati del fatto che la politica statale in corso è diretta contro i milioni di cittadini fedeli della Chiesa ortodossa ucraina. Siamotutti ucraini, veri patrioti che amano e rispettano la loroterra natale, lavoriamo con coscienza, curiamo i malati, esiguiamo il dovere militare in buona fede, paghiamo le tasse, sviluppiamo varie sfere della vita sociale. La Chiesa non ha mai diviso, non divide e non dividerà mai i suoi figli secondo l’origine, lo status sociale, la nazionalità, la lingua o le preferenze politiche. Lepreferenze e contraddizioni politiche non devono dividere genitori e figli, coppie sposate, amici e colleghi. La politica non deve seminare le zizzanie d’odio e di cattiveria nei nostri cuori. Il mantenimentodella pace nella società e della tranquillità nel vortice degli eventi attuali e delle pandemie è il nostro dovere comune”. 

I partecipanti hanno chiamato il Presidente ad usare ipoteri conferitigli dalle leggi ucraine e prendere lemisure urgenti ed efficaci per difendere i diritti costituzionali dei cittadini fedeli della Chiesa ortodossa ucraina e presentare al Consiglio supremo dell’Ucraina un progetto d’iniziativa legislativa che abolisca la legge ucraina № 2673-VIII e la legge ucraina № 2662-VIII, le quali, oltre a violare i diritti e le libertà costituzionali dei cittadini dell’Ucraina, minacciano l’autorevolezza del nostro stato al livello internazionale e mettono in dubbio la sincerità delle aspirazioni eurointegrali, la cui realizzazione è impossibile nelle condizioni della violazione dei diritti e delle libertà dell’uomo e degli strati di popolazione particolarmente vulnerabili cui appartengono i credenti. 

Con una chiamata simile i partecipanti si sono rivolti anche al primo ministro, allo speaker e ai deputati del Consiglio supremo.

I partecipanti al congresso dei rappresentanti dellechiese catturate hanno chiesto a D. A. Shmygal diintrodurre la moratoria su qualsiasi azione di cambiamento dell’appartenenza confessionale e del cambiamento coatto dei nomi delle comunità religiose della Chiesa ortodossa ucraina prima del inserimento delle modifiche nella legge del Ucraina “Sulla libertà di coscienza e sulle organizzazioni religiose” . 

Gli appelli alle autorità statali dell’Ucraina finiscono con la chiamata ad “unire gli sforzi e le risorse per la creazione delle condizioni d’uguaglianza e di sicurezza per la vita in Ucraina e per lo sradicamento di tutte le forme di violenza verso la gente credente” .

Поделиться:
Il Patriarca Kirill si congratula con il metropolita Porfirije per la sua elezione alla Sede Patriarcale serba

18.02.2021

Il Patriarca Kirill è stato insignito della più alta decorazione statale della Serbia

15.02.2021

Il Presidente della Russia Vladimir Putin si è congratulato con Sua Santità il Patriarca Kirill per l’anniversario della sua intronizzazione patriarcale

01.02.2021

Papa Francesco manda al Patriarca Kirill gli auguri natalizi

07.01.2021

Il Sacro Sinodo ha costatato l'impossibilità della comunione eucaristica con l'arcivescovo di Cipro Crisostomo

20.11.2020

В дистанционном формате прошло заседание Священного Синода Русской Православной Церкви

20.11.2020

Dichiarazione del Patriarca di Mosca e di tutta la Rus' Kirill sullo status della chiesa di Santa Sofia

06.07.2020

Messaggio pasquale di Sua Santità Kirill, Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’

18.04.2020

Messaggio natalizio di Sua Santità Kirill, Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’

06.01.2020

Messaggio natalizio di Sua Santità Kirill, Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’

05.01.2019

Il Patriarca Kirill ha discusso per telefono della situazione in Siria con Papa Francesco e i Patriarchi ortodossi del Medio Oriente

14.04.2018

Il Patriarca accoglie delegazione della provincia di Trento

27.02.2018

Messaggio natalizio di Sua Santità Kirill, Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’

06.01.2018

Putin incontra i Primati delle Chiese ortodosse

04.12.2017

Solenne servizio divino a Mosca

04.12.2017

Il metropolita Hilarion: Chiese e comunità religiose diventano bersagli per la comunità LGBT

28.02.2021

Il metropolita Hilarion: il patriarca di Costantinopoli non ha gregge in Ucraina

27.02.2021

Il presidente del DECR ha incontrato il nuovo ambasciatore russo in Ungheria

26.02.2021

Il presidente del Decr ha tenuto un video incontro con il segretario generale dell'Alleanza evangelica mondiale

25.02.2021

Il metropolita Hilarion: i cristiani del Medio Oriente e di altri paesi hanno bisogno della nostra compassione e della nostra preghiera

22.02.2021

Il metropolita Hilarion ha ricordato che sono i peccati umani a causare gli scismi ecclesiastici

22.02.2021

Il metropolita Hilarion: Al centro del dialogo con la Chiesa cattolica sta la situazione dei cristiani in Medio Oriente, la cultura e il lavoro caritativo

22.02.2021

Riunione del Gruppo misto di lavoro per il coordinamento di progetti culturali e sociali tra la Santa Sede e la Chiesa ortodossa russa

12.02.2021

La Conferenza "La Chiesa e la pandemia"

12.02.2021

Relazione del metropolita Hilarion di Volokolamsk alla conferenza "La Chiesa e la pandemia"

12.02.2021

Il metropolita Hilarion sull'abolizione delle disposizioni anti-ecclesiastiche nella legislazione del Montenegro

07.02.2021

Il metropolita Hilarion ritiene blasfemo l’uso dei simboli LGBT insieme a quelli cristiani

31.01.2021

Il metropolita Hilarion di Volokolamsk incontra il capo della missione diplomatica francese a Mosca

25.01.2021

Il metropolita Hilarion: le regole del politicamente corretto non devono giustificare l'intrusione in ciò che è sacro per milioni di persone

25.01.2021

Il metropolita Hilarion: negli Stati Uniti è in atto un deliberato attacco alla struttura tradizionale della famiglia

24.01.2021

Commenti

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

Invia un messaggio