Home page Notizie
Messaggio del Sinodo dei Vescovi

Messaggio del Sinodo dei Vescovi

Il Sinodo dei Vescovi, tenutosi a Mosca il 2-3 febbraio 2016, ha inviato un messaggio al clero, ai monaci e a tutti i fedeli della Chiesa ortodossa russa.
Reverendi padri amati nel Signore, venerabili monaci e monache, cari fratelli e sorelle!

Il Sinodo dei Vescovi che si è tenuto nella città di Mosca il 2-3 febbraio 2016, si rivolge a voi con il saluto apostolico: «La Grazia, misericordia e pace da Dio Padre e da Cristo Gesù nostro Signore» (1 Tim 1: 2) siano con voi senza sosta.

La Parola del Signore «che tutti siano una cosa sola» (Gv. 17, 21) risuona per noi oggi con maggior forza di fronte ad un mondo sempre più diviso. L'apostolo Paolo ammonisce: «Vi esorto fratelli, per il nome del Signore nostro Gesù Cristo, ad essere tutti unanimi nel parlare, perché non vi siano divisioni tra voi, ma siate in perfetta unione di pensiero e d'intenti» (1 Cor 1,10). La cura per il mantenimento dell'unità della Chiesa è il dovere di ogni cristiano ortodosso: vescovo, chierico, religioso o laico.

Un’espressione di questa unità sono stati i Concili, a partire dal primo - il Concilio degli Apostoli a Gerusalemme, le cui decisioni erano precedute dalle parole: «Piacque allo Spirito Santo e a noi» (At 15, 28). È in fase di preparazione il Concilio Pan-ortodosso, al quale parteciperanno i vescovi di tutte le Chiese ortodosse autocefale. La sua apertura è prevista a Creta quest'anno, nel giorno di Pentecoste. I vescovi che rappresenteranno la Chiesa ortodossa russa al Concilio Pan-ortodosso, seguendo fedelmente la verità di Cristo e in conformità con la tradizione patristica, custodita da più di mille anni nella nostra Chiesa, dovranno, insieme con i rappresentanti delle altre Chiese locali, dare risposte ai problemi che si pongono a tutta la pienezza dell’Ortodossia. A voi chiediamo di offrire ferventi preghiere affinché il Signore riveli la Sua santa volontà ai membri del prossimo Santo e Grande Concilio della Chiesa ortodossa e il suo svolgimento serva alla gloria di Dio, al beneficio dell’Ortodossia universale, al rafforzamento della sua unità e al mantenimento della purezza della nostra santa fede (cfr. Gd 1, 20).

La prova del legame indissolubile tra la Chiesa celeste e quella terrena è la canonizzazione appena avvenuta in codesto Sinodo dei Vescovi dell’arcivescovo Serafim di Boguchar (Sobolev, 1881-1950), che ha svolto il suo ministero episcopale in Bulgaria, dove ha concluso il suo cammino terreno. Questo servo di Dio ha rivelato un esempio di vita retta, un tenero e sincero amore per il suo gregge, ed è stato glorificato dal Signore durante la sua vita con doni di grazia, e dopo la sua morte con miracoli. Convincenti, forti e luminose sono le sue parole sulla necessità di mantenere con fermezza la fede ortodossa: «Un aspetto importante della Chiesa - ha scritto San Serafino - è l'immutabilità della sua dottrina dogmatica, morale e canonica, che proviene da Dio stesso, il Signore Gesù Cristo <... >. In questa immutabilità della dottrina della Chiesa ortodossa, che mantiene in totale purezza la fede degli apostoli, consiste l’importante e significativa differenza con tutte le altre confessioni cristiane». Da questa comprensione è guidata e sarà guidata la Chiesa ortodossa russa.

Nel gioire per l’aumento della venerazione dei santi di Cristo tra il popolo di Dio, il Sinodo ha benedetto a livello della Chiesa intera il culto di un gruppo di santi prima venerati a livello locale, compreso il medico-martire Evgenij (Botkin), ucciso insieme ai martiri della famiglia imperiale. La sua esaltazione a livello di tutta la Chiesa è particolarmente importante oggi, quando la Chiesa cerca di fare piena chiarezza sulle circostanze dell'uccisione della famiglia reale.

Attualmente è iniziata una nuova fase nello studio dei resti trovati a Ekaterinburg e attribuiti alla famiglia reale. Il Sacro Consiglio dei Vescovi insiste su un esame scientifico equo e approfondito, perché i resti dei martiri per la Chiesa sono sante reliquie. Questi resti, trovati a Ekaterinburg, possono essere riconosciuti tali solo se è possibile fugare ogni minimo dubbio sulla loro autenticità.

La Chiesa ortodossa russa prega per il dono della pace nella sofferente terra ucraina, dove continua il conflitto armato nel Sud-Est. In un contesto di sequestri di chiese e vessazioni nei confronti dei figli della Chiesa canonica, il Sinodo chiede di intensificare la preghiera per l'episcopato, il clero, i religiosi e i laici della Chiesa ortodossa ucraina.

Suscitano preoccupazioni le violenze in corso in Medio Oriente sulla popolazione e la persecuzione dei cristiani, che sono sottoposti a torture ed espulsi dalle loro zone di residenza. I templi vengono distrutti e gli oggetti santi profanati. La nostra preghiera oggi è rivolta alla soluzione pacifica dei conflitti in questa regione.

La Chiesa ortodossa esercita sempre il suo ministero salvifico, predicando il Vangelo di Cristo, morto e risorto, a vicini e lontani. Tutti noi siamo chiamati a questa testimonianza con la vita e la parola: i gerarchi, il clero, i religiosi e i laici. «Il Dio della pace che ha fatto tornare dai morti il Pastore grande delle pecore, in virtù del sangue di un'alleanza eterna, il Signore nostro Gesù, vi renda perfetti in ogni bene, perché possiate compiere la Sua volontà, operando in voi ciò che a Lui è gradito per mezzo di Gesù Cristo» (cfr. Eb. 13, 20).

Amen.

Condividere:
Il Patriarca Kirill: preghiamo perché gli ostacoli esterni e temporanei non distruggano la nostra unità spirituale

29.05.2022

Il Santo Sinodo ha creato una commissione per analizzare la situazione della diocesi di Vilnius e della Lituania

27.05.2022

Sua Santità il Patriarca Kirill ha presieduto una riunione del Santo Sinodo della Chiesa ortodossa russa

27.05.2022

Auguri di Papa Francesco a Sua Santità il Patriarca Kirill per il suo onomastico

24.05.2022

Il Patriarca Kirill: il nostro gregge si trova sia in Russia che in Ucraina; preghiamo con fervore per la restaurazione della pace

18.05.2022

Commento del Servizio di comunicazione del Dipartimento per le relazioni esterne in merito all'intervista di Papa Francesco al Corriere della sera

04.05.2022

Sua Santità il Patriarca Kirill ha avuto un colloquio con il Primate della Chiesa ortodossa serba

27.04.2022

Messaggio pasquale di Sua Santità Kirill, Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’ ai membri dell’episcopato, del clero, ai monaci e alle monache e a tutti i fedeli figli e figlie della Chiesa ortodossa russa

23.04.2022

L'assistenza ai rifugiati e ai civili feriti in Ucraina è stata discussa alla riunione del Santo Sinodo

25.03.2022

Sua Santità il Patriarca Kirill ha presieduto una riunione del Santo Sinodo della Chiesa ortodossa russa

24.03.2022

Condoglianze di Sua Santità il Patriarca Kirill per la morte delle persone in un incidente aereo nel sud della Cina

21.03.2022

Discorso di Sua Santità il Patriarca Kirill alla riunione del Consiglio Supremo della Chiesa ortodossa russa il 18 marzo 2022

18.03.2022

Sua Santità il Patriarca Kirill ha presieduto una riunione del  Consiglio Supremo della Chiesa ortodossa russa

18.03.2022

Ha avuto luogo una conversazione di Sua Santità il Patriarca Kirill con l’arcivescovo di Canterbury Justin Welby

16.03.2022

Sua Santità il Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’ Kirill ha avuto un colloquio con Papa Francesco

16.03.2022

Il presidente del DECR ha visitato l'Accademia teologica di San Pietroburgo

24.06.2022

Il metropolita Antonij: la crescita dell’estremismo rappresenta una minaccia per la sicurezza dei santuari cristiani comuni in Terra Santa

17.06.2022

E’ stato nominato il nuovo presidente del Dipartimento per le relazioni ecclesiastiche esterne

07.06.2022

Il metropolita Hilarion: i tentativi di spaccare la comunità ortodossa in Lituania sono destinati a fallire

06.06.2022

Si è conclusa la visita di lavoro del metropolita Hilarion di Volokolamsk in Ungheria

06.06.2022

Il metropolita Hilarion ha visitato l’Ungheria

03.06.2022

Il metropolita Hilarion ha commentato il riconoscimento della Chiesa macedone da parte del Sinodo del Patriarcato di Costantinopoli

31.05.2022

Il metropolita Hilarion: quanto sta accadendo nella Chiesa ortodossa ucraina va inteso nel contesto della pressione senza precedenti, esercitata su di essa

29.05.2022

Il metropolita Hilarion: l'unità tra la Chiesa ortodossa russa e la Chiesa ortodossa ucraina viene mantenuta

28.05.2022

Il Santo Sinodo ha creato una commissione per analizzare la situazione della diocesi di Vilnius e della Lituania

27.05.2022

Sua Santità il Patriarca Kirill ha presieduto una riunione del Santo Sinodo della Chiesa ortodossa russa

27.05.2022

Il metropolita Hilarion: le relazioni fra la Chiesa ortodossa russa e la Chiesa cattolica romana continueranno a svilupparsi

24.05.2022

Il metropolita Hilarion: prima o poi sarà trovata una soluzione che permetterà di guarire le ferite inflitte al corpo dell’Ortodossia mondiale

24.05.2022

Il metropolita Hilarion ha incontrato la dirigenza dell’organizzazione umanitaria inter-cristiana ACT Alliance

13.05.2022

Il metropolita Hilarion di Volokolamsk ha incontrato l’Arcivescovo Crisostomo di Cipro

12.05.2022

Page is available in the following languages
Commenti

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

Invia un messaggio
Рус Укр Eng Deu Ελλ Fra Ita Бълг ქარ Срп Rom عرب