Home page Notizie
Il terrore di massa contro i cristiani dell’I…

Il terrore di massa contro i cristiani dell’Iraq

Dichiarazione del servizio delle comunicazioni del Dipartimento per le relazioni ecclesiastiche esterne del Patriarcato di Mosca.

I tragici eventi riguardanti il terrore senza precedenti, scatenato contro i cristiani in Iraq da parte di terroristi, spinge la Chiesa ortodossa russa a levare ancora una volta la propria voce in loro difesa.

In Iraq, fino al 2003, vivevano circa un milione e mezzo di cristiani. La diffusione, iniziata dieci anni fa, del radicalismo religioso e del banditismo, i continui atti terroristici, lo sterminio e la discriminazione dei cristiani, hanno costretto la maggior parte della popolazione cristiana a lasciare il paese.

Nel mese di giugno 2014 nel nord dell'Iraq è stata lanciata l'offensiva del movimento estremista militante "Stato islamico dell'Iraq e del Levante" (ISIL), precedentemente noto per le brutali repressioni della popolazione cristiana pacifica della Siria.

Con l'invasione di Mosul da parte dei militanti, il 6 giugno 2014, i cristiani, temendo le persecuzioni, hanno cominciato a fuggire in massa dalle loro case. Secondo l'agenzia di stampa AINA, tutte le 45 chiese cristiane a Mosul sono state distrutte, saccheggiate o trasformate in moschee. 11 chiese sono state completamente bruciate.

Il 7 luglio 2014, nel corso della riunione dei Primati delle Chiese del Medio Oriente in Libano, il capo della Chiesa cattolica caldea, Louis Raphael I Sako, ho riportato le testimonianze di testimoni oculari secondo cui i militanti dello "Stato islamico" hanno distrutto le croci sulle chiese, bruciato manoscritti antichi e oggetti liturgici. Ai cristiani è stato ordinato di abbandonare Mosul o convertirsi all'Islam, quanti si sono rifiutati sono stati sottoposti a crudeli esecuzioni. Attualmente a Erbil si trovano 70 mila rifugiati cristiani, molti dei quali sono costretti a dormire per strada, a Dohuk più di 60 mila. I mass media riferiscono che uomini armati a Mosul spesso uccidono bambini cristiani decapitandoli, e ne espongono le teste mozzate a intimidazione della popolazione. Le donne sono sottoposte a brutale violenza.

Il 7 Agosto 2014 gli estremisti hanno conquistato la città di Karakosh, abitata in prevalenza da cristiani. Hanno abbandonato la città circa 50 mila cristiani. Parte dei cristiani si sono rifugiati a Erbil e in altre parti del Kurdistan iracheno. Secondo le organizzazioni di beneficenza in Iraq, i rifugiati, molti dei quali si nascondono tra le montagne, patiscono una grave carenza di acqua, cibo e vestiti, la gente nei campi profughi comincia a morire di fame e di sete. Nonostante i tentativi delle autorità irachene di far arrivare aiuti, il disastro umanitario continua e cresce.

L'aggressione brutale contro i cristiani in Iraq acquisisce un carattere sistematico, diventando un vero e proprio genocidio. Gli ideologi del cosiddetto "Stato islamico" cercano di realizzare il piano dello sterminio totale o l'espulsione dei cristiani dai territori occupati, commettendo massacri, deportando con la forza intere comunità, privandole di tutti i beni. Nel contempo, in vari paesi europei, sostenitori di questo gruppo organizzano manifestazioni aperte e diffondono simboli dei militanti.

Già da diversi anni, la Chiesa ortodossa russa solleva il tema della difficile condizione dei cristiani in questa regione. "Ancora una volta, affermiamo la necessità di porre fine alla violenza, riprendere il dialogo politico pacifico, chiedendo la protezione delle minoranze religiose perseguitate. Vorrei sottolineare che l'aumento dell'estremismo di matrice religiosa è una seria sfida per la comunità mondiale", ha detto il 28 Maggio 2014 il Patriarca di Mosca e tutta la Rus’ Kirill.

Il terrore degli estremisti contro i cristiani e i membri di altre religioni in Iraq richiede una ferma condanna. Il Patriarcato di Mosca chiede a tutte le forze politiche coinvolte e alle persone di buona volontà di fare ogni sforzo per proteggere le minoranze religiose in Iraq. La scomparsa della antica presenza cristiana avrà conseguenze disastrose di vasta portata per l'intera regione. Esprimiamo la nostra solidarietà con i nostri fratelli e le nostre sorelle in Cristo sofferenti, e ci auguriamo che la comunità internazionale prenda tutte le misure necessarie per la salvezza della comunità cristiana in Iraq.

Поделиться:
Il Patriarca Kirill si congratula con il metropolita Porfirije per la sua elezione alla Sede Patriarcale serba

18.02.2021

Il Patriarca Kirill è stato insignito della più alta decorazione statale della Serbia

15.02.2021

Il Presidente della Russia Vladimir Putin si è congratulato con Sua Santità il Patriarca Kirill per l’anniversario della sua intronizzazione patriarcale

01.02.2021

Papa Francesco manda al Patriarca Kirill gli auguri natalizi

07.01.2021

Il Sacro Sinodo ha costatato l'impossibilità della comunione eucaristica con l'arcivescovo di Cipro Crisostomo

20.11.2020

В дистанционном формате прошло заседание Священного Синода Русской Православной Церкви

20.11.2020

Dichiarazione del Patriarca di Mosca e di tutta la Rus' Kirill sullo status della chiesa di Santa Sofia

06.07.2020

Messaggio pasquale di Sua Santità Kirill, Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’

18.04.2020

Messaggio natalizio di Sua Santità Kirill, Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’

06.01.2020

Messaggio natalizio di Sua Santità Kirill, Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’

05.01.2019

Il Patriarca Kirill ha discusso per telefono della situazione in Siria con Papa Francesco e i Patriarchi ortodossi del Medio Oriente

14.04.2018

Il Patriarca accoglie delegazione della provincia di Trento

27.02.2018

Messaggio natalizio di Sua Santità Kirill, Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’

06.01.2018

Putin incontra i Primati delle Chiese ortodosse

04.12.2017

Solenne servizio divino a Mosca

04.12.2017

Il presidente del Decr ha tenuto un video incontro con il segretario generale dell'Alleanza evangelica mondiale

25.02.2021

Il metropolita Hilarion: i cristiani del Medio Oriente e di altri paesi hanno bisogno della nostra compassione e della nostra preghiera

22.02.2021

Il metropolita Hilarion ha ricordato che sono i peccati umani a causare gli scismi ecclesiastici

22.02.2021

Il metropolita Hilarion: Al centro del dialogo con la Chiesa cattolica sta la situazione dei cristiani in Medio Oriente, la cultura e il lavoro caritativo

22.02.2021

Riunione del Gruppo misto di lavoro per il coordinamento di progetti culturali e sociali tra la Santa Sede e la Chiesa ortodossa russa

12.02.2021

Relazione del metropolita Hilarion di Volokolamsk alla conferenza "La Chiesa e la pandemia"

12.02.2021

Il metropolita Hilarion sull'abolizione delle disposizioni anti-ecclesiastiche nella legislazione del Montenegro

07.02.2021

Il metropolita Hilarion ritiene blasfemo l’uso dei simboli LGBT insieme a quelli cristiani

31.01.2021

Il metropolita Hilarion di Volokolamsk incontra il capo della missione diplomatica francese a Mosca

25.01.2021

Il metropolita Hilarion: le regole del politicamente corretto non devono giustificare l'intrusione in ciò che è sacro per milioni di persone

25.01.2021

Il metropolita Hilarion: negli Stati Uniti è in atto un deliberato attacco alla struttura tradizionale della famiglia

24.01.2021

Il Consiglio Presidenziale per la cooperazione con le associazioni religiose si riunisce per una sessione regolare

21.01.2021

Le azioni di estremisti hanno causato un serio squilibrio nelle secolari relazioni cristiano-islamiche sul suolo siriano, afferma il metropolita Hilarion

17.01.2021

Il metropolita Hilarion di Volokolamsk ha celebrato la Divina Liturgia sulle reliquie di San Nicola a Bari

19.12.2020

Il metropolita Hilarion di Volokolamsk incontra il Presidente della Puglia

19.12.2020

Commenti

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

Invia un messaggio