Home page Notizie
Il Patriarca al Congresso mondiale dei connaz…

Il Patriarca al Congresso mondiale dei connazionali

Si è svolto a Mosca il 5 e 6 novembre 2015 il V Congresso mondiale dei connazionali residenti all'estero. Al forum, che si tiene nell’anno del 70° anniversario della Grande Vittoria sotto lo slogan «Ricordiamo e ce ne gloriamo!», hanno partecipato circa 400 delegati provenienti da 97 Paesi.

Nel suo discorso alla sessione plenaria il Presidente della Federazione Russa Vladimir Putin ha preso atto del ruolo sempre più importante della Chiesa ortodossa russa nel rafforzare i legami culturali con i connazionali russi. Secondo il Capo dello Stato, il popolo russo all’estero ha sempre unito persone di diverse nazionalità e religioni, che oggi lavorano insieme per rispondere alle sfide che affliggono il Paese.

Vladimir Putin ha anche sottolineato la necessità di promuovere l’insegnamento in lingua russa all’estero. Secondo il Presidente, è già stato elaborato il concetto di «scuola russa all'estero». Lo scopo di tali scuole è quello di promuovere metodi di insegnamento, istruzione, formazione, facilitare lo studio della lingua russa e delle materie che sono rilevanti per la Russia (per esempio, la storia e la geografia del Paese), promuovere lo sviluppo della sua cultura e delle arti. «È chiaro che abbiamo bisogno di fare un uso più efficiente delle strutture extrascolastiche, quali le scuole domenicali della Chiesa ortodossa russa e altri centri educativi delle nostre religioni tradizionali», ha detto il Capo dello Stato.

Poi ha preso la parola Sua Santità il Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’ Kirill. Come ha osservato Sua Santità, la secolare storia della Russia dimostra chiaramente che la capacità di superare le divisioni e agire insieme di fronte alle sfide esterne e interne è sempre stata una delle caratteristiche essenziali del popolo russo. «L'unità interna offre molte possibilità, perché dove c'è unità, ci sono anche la forza invincibile e la fraternità spirituale; dove c'è unità, c'è anche il vero amore e il sostegno reciproco», ha detto il Primate della Chiesa russa. «Grazie all’unità sono stati resi possibili grandi successi storici...». Sua Santità ha ricordato a tutti i presenti che un esempio di tale unità del popolo è stata mostrata durante la Grande Guerra Patriottica, della quale si celebra quest’anno il 70° anniversario della Vittoria.

«Tuttavia, non ci sono state solo vittorie nella storia della nostra Patria. Noi non dimentichiamo le sconfitte, causate dall'indebolimento spirituale del popolo e dal rifiuto dell'unità», ha aggiunto Sua Santità il Patriarca Kirill. Tra le sconfitte spirituali si annoverano la rivoluzione del 1917 e la guerra civile fratricida, che hanno provocato un'ondata senza precedenti di emigrazione. La Rivoluzione d'Ottobre, la morte della famiglia reale, lo scandalo dell'illegalità, il terrore e le grandi repressioni hanno causato una tragedia terribile per il popolo. Il Paese ha perso milioni di suoi cittadini, che o sono morti o sono stati costretti a lasciare la Russia.

Coloro che erano in terra straniera si sono trovati di fronte a un dilemma: o perdere la propria identità spirituale e culturale, portare risentimento verso il proprio Paese e il popolo, e infine assimilarsi con altri popoli, o dimostrare la propria capacità di unirsi. «I nostri emigranti hanno creato il fenomeno della diaspora russa, il segno distintivo della quale non è stato solo l’alto livello intellettuale nel campo della scienza, dell’arte, della tecnologia, ma anche la capacità di conservare la propria fede e i valori spirituali, la propria lingua e cultura», ha detto Sua Santità. Essi sono rimasti sempre russi, ortodossi, hanno sempre creduto nella rinascita della Russia, verso la quale nutrivano un amore autentico, e tutto questo lo hanno trasmesso alle generazioni successive.

Secondo Sua Santità il Patriarca Kirill, «la Chiesa è stata di grande importanza per la plurimilionaria diaspora russa, è diventata una forza unificante, un centro di grande richiamo per i nostri fratelli e sorelle all’estero, offrendo loro consolazione e sostegno».

«Il desiderio dei nostri connazionali di conservare la fede dei loro antenati era così forte che queste persone, nei loro nuovi luoghi di residenza, come prima cosa si sono date da fare per costruire una chiesa, o almeno un locale per la preghiera - ha detto il Primate della Chiesa ortodossa russa. - Molti hanno messo a disposizione della Chiesa, come doni portati dalla Russia, le icone di famiglia e altri oggetti sacri, che si trovano ancora nelle nostre parrocchie all’estero. E hanno dato i loro risparmi per creare un luogo di preghiera e di consolazione spirituale. È significativo che questo sia accaduto sullo sfondo delle grandi difficoltà dovute all’inizio della loro vita di immigrati, quando si trovarono a abitare in rifugi temporanei».

Sua Santità ha condiviso con i partecipanti al forum i suoi ricordi del periodo in cui visse lontano dalla sua Patria, servendo come rettore della Chiesa della Natività della Santissima Madre di Dio a Ginevra. «Era una piccola chiesa, una cappella, con pochi fedeli, in quanto la gente aveva paura. Era il tempo della Guerra Fredda. Tuttavia, c'era un gruppo di parrocchiani, grazie ai quali è stato possibile condurre una vita liturgica regolare in chiesa. Dovevo riunire i rappresentanti della comunità degli emigrati post-rivoluzione, i loro figli e nipoti, e coloro che hanno lasciato la Patria successivamente. Ringrazio Dio per avermi permesso di fare questa esperienza e arrivare a conoscere le persone che erano state vittime della nostra tragedia nazionale, ma avevano conservato una fede profonda e l'amore per la propria Patria», ha detto il Primate della Chiesa russa.

Oggi la Chiesa ortodossa russa continua a svolgere la sua importante missione tra i connazionali residenti all'estero, ha testimoniato Sua Santità il Patriarca. «La Chiesa è stata e rimane custode dell’unità del popolo. Non permette che i credenti si dividano in base alla loro appartenenza etnica, territoriale o politica - ha detto Sua Santità. - Un principio importante per costruire le nostre parrocchie all’estero è quello di unire nella fede nonostante le differenze nazionali e linguistiche, e le convinzioni politiche. Tutto ciò che sta accadendo oggi di tragico, i difficili rapporti tra i popoli fratelli dell'ex Unione Sovietica (mi riferisco soprattutto alla tragedia ucraina), non ha modificato il carattere fondamentale della vita parrocchiale della nostra gente all'estero. Dove c’erano russi e ucraini, lì sono rimasti insieme. Forse non è un caso che le forze nazionaliste radicali in Ucraina cercano di indebolire la nostra Chiesa; sono ben consapevoli del fatto che, fin quando vi è uno spazio spirituale comune, senza sovranità, confini o conflitti economici, non possono distruggere questa unità spirituale».

Secondo Sua Santità, il nazionalismo estremo e la mancanza di volontà di vivere insieme con persone di altra nazionalità o di altra cultura è la principale minaccia per il mondo di oggi. «Queste persone non sono in grado di rimanere all'interno della Chiesa; se ne vanno... non sono d'accordo con i suoi messaggi fondamentali di unire le persone. Forse, è proprio per questo che la nostra Chiesa sta soffrendo oggi come nessun’altra organizzazione per le azioni compiute dalle forze nazionaliste radicali, che con la loro energia negativa alimentano il conflitto fratricida in Ucraina», ha concluso il Patriarca Kirill.

Alla plenaria sono intervenuti anche il presidente del Consiglio Federale della Russia V. Matvienko; il ministro degli Affari Esteri della Federazione Russa e presidente della commissione delegata per gli Affari dei connazionali all'estero, S. Lavrov; il ministro della Cultura V. Medinskij; il presidente della Duma di Stato della Russia S. Naryshkin (messaggio letto dal presidente della commissione della Duma per gli affari della CSI e le relazioni con i connazionali L. Slutsky); il vice presidente del Consiglio mondiale dei connazionali russi, principe N. Lobanov-Rostovsky; il capo dell'Agenzia Federale per la Comunità degli Stati Indipendenti, i connazionali residenti all'estero e la cooperazione internazionale umanitaria (Rossotrudnichestvo) L. Glebova, e altri.

Tra i partecipanti alla cerimonia di apertura del forum c’erano, in rappresentanza della Chiesa ortodossa russa: il metropolita Hilarion di Volokolamsk, presidente del Dipartimento per le relazioni ecclesiastiche esterne del Patriarcato di Mosca (Decr); il vescovo Sergij di Solnechnogorsk, capo della Segreteria amministrativa del Patriarcato di Mosca, il vescovo Nestor di Korsun; il vescovo Antonij di Bogorodsk, responsabile delle istituzioni del Patriarcato di Mosca all’estero; lìarchimandrita Filaret (Bulekov), vice presidente del Decr; l’igumeno Arsenij (Sokolov), rappresentante del Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’ presso il Patriarca della Grande Antiochia e di tutto l'Oriente; il sacerdote Sergij Zvonarev, segretario del Decr per i Paesi all’estero; lo ierodiacono Roman (Kiselev) e D. Petrovskij, dipendenti del Decr.

Al V Congresso Mondiale dei connazionali hanno partecipato anche i rappresentanti delle missioni diplomatiche del Patriarcato di Mosca: il segretario della diocesi dell'Aia e dell’Olanda, arciprete Grigory Krasnotsvetov; il rettore del Compound patriarcale a Dublino (Irlanda), arciprete Mikhail Nasonov; il rettore della Chiesa della Santissima Trinità a Ulan Bator (Mongolia), arciprete Aleksej Trubach; il rettore della Chiesa di San Sergio di Radonež a Johannesburg (Sudafrica), sacerdote Daniel Lugovoj; il rettore della parrocchia dei santi martiri Valentin e Pasikrat a Ulm (Germania), igumeno Maksim (Schmidt).

Alla sessione plenaria erano presenti anche membri del Consiglio della Federazione, deputati della Duma, rappresentanti del Ministero degli Affari Esteri della Russia, capi degli organi federali e regionali, rappresentanti delle religioni tradizionali della Russia, personalità del mondo della cultura e pubbliche.

Il congresso ha continuato i suoi lavori anche il 6 novembre con le sessioni tematiche. Gli argomenti trattati hanno riguardato la tutela dei diritti dei connazionali, la memoria storica e la lotta contro i tentativi di distorcere la storia, le forme e i metodi di consolidamento delle associazioni dei connazionali, il ruolo dei giovani, il lavoro per la diffusione della lingua russa, cultura russa e formazione all'estero, il ruolo degli enti russi nel lavoro con i connazionali.

Nel corso del congresso di Mosca è stata esposta l'attuazione delle decisioni del IV Congresso Mondiale dei connazionali, e sono stati esaminati i progressi dei programmi nazionali incentrati sui connazionali all'estero, tra cui il programma federale «Lingua russa» e il programma statale per aiutare al reinsediamento volontario dei connazionali residenti all'estero nella Federazione Russa.

Il primo Congresso Mondiale dei connazionali si è tenuto nel 2001 a Mosca, il secondo - nel 2006 a San Pietroburgo, il terzo - nel 2009 a Mosca, il quarto - nel 2012 a San Pietroburgo.

Condividere:
Sua Santità il Patriarca Kirill: Agiremo in difesa del Patriarcato di Gerusalemme

07.01.2022

Messaggio natalizio di Sua Santità Kirill, Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’

06.01.2022

Messaggio di auguri di Sua Santità il Patriarca Kirill a Papa Francesco in occasione del suo 85° compleanno

17.12.2021

Sua Santità il Patriarca Kirill si è rivolto ai cittadini del Kazakistan con un messaggio video

16.12.2021

Messaggio di auguri di Sua Santità il Patriarca Kirill a Olaf Scholz per la sua elezione al cancelliere federale della Germania

08.12.2021

Sua Santità il Patriarca Kirill ha inviato un messaggio all’ex cancelliere della Repubblica federale di Germania Angela Merkel

08.12.2021

Il presidente del Decr ha commentato le notizie dei mass media riguardo alla possibilità di un incontro di Sua Santità il Patriarca Kirill con Papa Francesco

06.12.2021

Sua Santità il Patriarca Kirill ha celebrato l’ufficio funebre nel 13° anniversario della morte di Sua Santità il Patriarca Aleksij II 

05.12.2021

Sua Santità il Patriarca Kirill ha incontrato l’ambasciatore della Romania in Russia

30.11.2021

Auguri delle organizzazioni inter-cristiane e fondazioni internazionali di beneficenza a Sua Santità il Patriarca Kirill in occasione del suo 75° compleanno

24.11.2021

Patriarca Kirill: il Patriarca Bartolomeo si considera non il primo fra gli uguali, ma il primo sopra tutti gli altri

20.11.2021

Sua Santità il Patriarca Kirill ha incontrato il presidente della Direzione dei musulmani del Caucaso Sceicco-ul-islam Allahshukjur Pasha-zade

12.10.2021

Il Primate della Chiesa ortodossa russa ha incontrato il Supremo Patriarca e Katholikos di tutti gli armeni

12.10.2021

Sua Santità il Patriarca Kirill ha consegnato le onorificenze ecclesiastiche al presidente del Decr e ai suoi vice

27.09.2021

Sua Santità il Patriarca Kirill: il Patriarca Bartolomeo è caduto nello scisma

27.09.2021

Il presidente del Decr ha dato una valutazione della prima tappa delle trattative dei rappresentanti della Federazione Russa e dell’Occidente sulla sicurezza

16.01.2022

Il metropolita Hilarion: l’Ortodossia in Kazakistan è una confessione tradizionale professata da milioni

16.01.2022

Il metropolita Hilarion: la Chiesa e le confessioni tradizionali hanno fatto tutto il possibile per la pacificazione in Kazakistan

16.01.2022

Il decanato della Cambogia della diocesi della Thailandia ha pubblicato due nuove edizioni nella lingua khmer

28.12.2021

Auguri natalizi del presidente del Decr ai Primati delle Chiese cristiane

25.12.2021

Il metropolita Hilarion: il Patriarca e il Papa parleranno della sopravvivenza dei cristiani

23.12.2021

Il presidente del Decr ha incontrato Papa Francesco

22.12.2021

Il metropolita Hilarion ha incontrato l’arcivescovo di Bari-Bitonto monsignor Giuseppe Satriano

20.12.2021

Il presidente del Decr ha incontrato il sindaco di Bari

19.12.2021

Il metropolita Hilarion: lo scisma sostenuto dal Patriarcato di Costantinopoli ferisce tutto il popolo ucraino

12.12.2021

Il metropolita Hilarion: i rapporti costruttivi fra la Russia e gli Stati Uniti sono necessari per la sicurezza di tutto il mondo

12.12.2021

Il presidente del Decr ha commentato le notizie dei mass media riguardo alla possibilità di un incontro di Sua Santità il Patriarca Kirill con Papa Francesco

06.12.2021

Il metropolita Hilarion ha partecipato all’apertura di una mostra dedicata al 300° anniversario della proclamazione dell’Impero russo

02.12.2021

Ha avuto luogo una riunione del Comitato consultativo cristiano interconfessionale

24.11.2021

Ha avuto luogo una riunione ordinaria della Commissione per la collaborazione internazionale del Consiglio presidenziale per la cooperazione con le organizzazioni religiose

23.11.2021

Page is available in the following languages
Commenti

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

Invia un messaggio
Рус Укр Eng Deu Ελλ Fra Ita Бълг ქარ Срп Rom عرب