Home page Notizie
Incontro con i membri del Sacro Kinot

Incontro con i membri del Sacro Kinot

Il 27 maggio 2016, al termine del servizio di preghiera nella cattedrale della Dormizione, Sua Santità il Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’ Kirill ha incontrato nella sede del Protat i membri del Sacro Kinot del Monte Athos.

La struttura del Sacro Kinot è composta dai rappresentanti (antiprosop) dei 20 monasteri del Monte Athos, eletti ogni anno dai monasteri.

Sua Santità il Patriarca era accompagnato dai membri della delegazione ufficiale della Chiesa ortodossa russa.

Il metropolita Apostolos di Mileto, a nome di Sua Santità il Patriarca Bartolomeo di Costantinopoli, ha rivolto parole di benvenuto al Primate della Chiesa ortodossa russa e gli ha espresso gli auguri di un buon soggiorno presso la  Sacra Montagna durante il suo pellegrinaggio.

A nome dello Stato greco il governatore del Monte Athos Aristos Kazmiroglu ha salutato Sua Santità il Patriarca Kirill.

Lo ieromonaco Heronymus, membro del Sacro Kinot e rappresentante del monastero di Simonopetra, ha detto nel suo discorso:

«Con grande gioia accogliamo oggi sul Sacro Monte Athos Vostra Santità, il Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’!

Santità, il legame spirituale del Sacro Monte Athos con la Russia è profondo, e questo rapporto non è mai stato interrotto. Possiamo dire che questo rapporto spirituale risale al primo capo della vita monastica sul Sacro Monte Athos, il monaco Atanasio dell’Athos, che sin dall'inizio ha dato alla vita monastica del Monte Athos un carattere veramente universale, riunendo attorno a sé non solo i monaci greci, ma «di ogni nazione, lingua, razza, istruzione», non solo coloro che vivevano vicino, ma anche da Paesi lontani - da Roma, dalla Calabria, da Amalfi, dalla Georgia, dall’Armenia, dai Paesi ancora più lontani.

Questo carattere veramente universale del monachesimo della Sacra Montagna, e la sua spiritualità, fin dall'inizio hanno attratto come un potente magnete spirituale il popolo russo, profondamente religioso, che amava il Sacro Monte Athos. Per secoli, questo rapporto si è continuamente rafforzato in vari modi, a cominciare dal venerabile Antonio di Kiev fino ai nostri giorni con San Silvano dell’Athos. Abbiamo santi e martiri comuni, come il grande San Massimo il greco, educatore del popolo russo. I santi padri hanno tradotto il paterikon, i testi liturgici e altri libri.

Continuamente dalla Russia all’Athos sono passate schiere di pii pellegrini, attratti dalla sete di comunione con Dio attraverso la misteriosa vita della preghiera. Erano attratti dall'amore per la Madre di Dio. Tutto questo forma la nostra comune tradizione spirituale, che non poteva essere scossa da una serie di vicissitudini storiche e circostanze sfavorevoli. Tutto ciò è confermato dalla nostra tradizione comune e dal Vostro pellegrinaggio a noi oggi».

Il Primate della Chiesa Russa si è rivolto ai presenti dicendo:

«Eminenza, Metropolita Apostolos di Mileto! Eccellenza, governatore dell’Athos! Venerabili protos, padre Paulos! Cari fratelli!

Esprimo la mia gratitudine per l'ospitalità di Sua Santità il Patriarca Bartolomeo. Gioisco per l’opportunità, Eminenza, di pregare per lui insieme a voi, qui sul Monte Athos.

Vi ringrazio, Eccellenza, per le gentili parole che mi avete rivolto. Voglio dire con chiarezza che il fattore principale che lega la Russia e la Grecia è la fede ortodossa. A causa della fede comune, i due popoli hanno mantenuto relazioni fraterne in diversi periodi della storia. Noi crediamo che per la grazia di Dio continueranno a mantenere l’unità fraterna e a essere membri dell’unica Chiesa ortodossa.

Sin dai tempi antichi, sono esistite fortezze, roccaforti che difendevano la pace e la tranquillità dei cittadini. C'erano i fari per i marinai che così potevano fendere la nebbia e le navi potevano raggiungere tranquillamente il molo. L’Ortodossia universale ha un suo santuario principale - è il Monte Athos. Questa roccaforte, con il suo modo unico di vita spirituale, con la sua tranquillità, con la sua ospitalità, è un faro.

La roccaforte del Monte Athos non è indebolita, ma essa deve avere un numero sufficiente di soldati religiosi. La lampada del Sacro Monte non è spenta e continua a brillare, ma ha bisogno di un adeguato apporto di olio – il cuore ardente, la misericordia, la pace, il sacrificio e la preghiera.

Il mio mentore spirituale ed ecclesiastico, il metropolita Nikodim, di beata memoria, visitò il Sacro Monte più di mezzo secolo fa, in uno dei periodi più difficili della sua esistenza, quando sembrava che l'approvvigionamento di tale olio si stesse esaurendo e la lampada potesse spegnersi. Amava questo luogo sacro con tutta l'anima e con tutta la mente della Chiesa e ha trasferito questo amore alla nuova generazione di vescovi della Chiesa ortodossa russa, uno dei quali sono io. Sono stati anni difficili per il Monte Athos e per la Chiesa ortodossa russa.

Oggi stiamo assistendo per la grazia di Dio a un nuovo rafforzamento della roccaforte dell’Athos e al rinnovamento del vigore di questo faro spirituale. Tutta la Chiesa guarda al Sacro Monte con la speranza di trovare qui un esempio di spirito di sacrificio, di preghiera incessante e di spirito ardente.

Oggi, la Chiesa della Santa Russia, dopo aver superato il più difficile periodo storico della sua esistenza, progredisce quantitativamente e spiritualmente. Avendo ritrovato la splendida opportunità di visitare il Monte Athos e pregare nei suoi santuari, i nostri fedeli traggono da questa preziosa fonte notevoli doni di grazia. Siamo lieti dell’opportunità di venire qui, al Monte Athos. Ci rallegriamo quando i nostri pellegrini vengono qui per visitare i santuari del luogo. Noi crediamo che i legami spirituali della Russia, della Chiesa Russa e del Monte Athos non possono essere scossi da quali che siano circostanze difficili della vita. La storia del XX secolo ci dimostra che è così.

Auguro a tutta la comunità monastica la salvezza in Cristo, la crescita spirituale, l’incessante fiamma ardente per tutto il popolo di Dio, per tutta la Chiesa di Cristo.

Khristos Anesti!». Cristo è risorto!

Il protepistat, antiprosop della Grande Laura, lo starets Paulos e i membri del Sacro Kinot hanno offerto a Sua Santità un'icona del Salvatore.

A sua volta, Sua Santità il Patriarca ha donato al protoepistat del Monte Athos, lo starets Paulos, un’icona della Madre di Dio «Lenisci le mie sofferenze» e un uovo di Pasqua.

Da Karey Sua Santità il Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’ Kirill è andato al Monastero russo di San Panteleimon.

Condividere:
Sua Santità il Patriarca Kirill ha inaugurato un simposio dedicato al primato e alla sinodalità nell’Ortodossia

16.09.2021

Messaggio del Primate della Chiesa ortodossa russa ai partecipanti al Forum Interreligioso del G20

12.09.2021

Sua Santità il Patriarca Kirill: le forze del male stanno lacerando l'unità delle Chiese ortodosse

29.08.2021

Saluto di Sua Santità il Patriarca Kirill ai partecipanti del Festival “Russia – Grecia. Insieme attraverso i secoli”

21.08.2021

Auguri di Sua Santità il Patriarca Kirill al Katholikos di tutti gli armeni Karekin II in occasione del suo 70° compleanno

21.08.2021

Messaggio di Sua Santità il Patriarca Kirill agli atleti della Russia – partecipanti alle XXXII Olimpiadi estive a Tokyo

10.08.2021

Sua Santità il Patriarca Kirill ha presieduto una riunione ordinaria del Santo Sinodo della Chiesa ortodossa russa

17.06.2021

Sua Santità il Patriarca Kirill ha presieduto una riunione del Supremo Consiglio della Chiesa

15.06.2021

Auguri di Sua Santità il Patriarca Kirill a Raul Castro Rus per il suo novantesimo compleanno

03.06.2021

Si svolgono le riunioni della seconda giornata della plenaria del Consiglio interconciliare presieduta da Sua Santità il Patriarca Kirill

27.05.2021

A Mosca si apre la plenaria del Consiglio interconciliare della Chiesa ortodossa russa

26.05.2021

Messaggio di Sua Santità il Patriarca Kirill in occasione del 75° anniversario del Dipartimento per le relazioni ecclesiastiche esterne del Patriarcato di Mosca

24.05.2021

Sua Santità il Patriarca Kirill ha incontrato l’episcopato della Chiesa ortodossa moldava

16.05.2021

Condoglianze di Sua Santità il Patriarca Kirill in occasione della morte dell’esponente cristiano indonesiano vescovo Soritua Nababan

10.05.2021

Messaggio pasquale del Patriarca KIRILL di Mosca e di tutta la Rus’ ai vescovi, sacerdoti, diaconi, monaci e tutti i fedeli della Chiesa ortodossa russa  

01.05.2021

Il metropolita Hilarion di Volokolamsk ha partecipato a distanza a un simposio dei patrologi a Vienna

18.09.2021

Sua Santità il Patriarca Kirill ha inaugurato un simposio dedicato al primato e alla sinodalità nell’Ortodossia

16.09.2021

Il presidente del Decr ha incontrato l’ambasciatore degli Stati Uniti d’America nella Federazione Russa

15.09.2021

Metropolita Hilarion: vietare alla gente di ascoltare la musica è come vietarle di bere acqua

13.09.2021

Il presidente del Decr ha incontrato il vice primo ministro dell’Ungheria

07.09.2021

Il presidente del Decr ha incontrato il vescovo Lukian di Buda

06.09.2021

Il presidente del Decr ha fatto un discorso al Congresso eucaristico internazionale a Budapest

06.09.2021

Il presidente del Decr ha incontrato il Nunzio apostolico in Russia

01.09.2021

Il metropolita Hilarion ha incontrato il Primate della Chiesa ortodossa di Gerusalemme

05.08.2021

Un’onorificenza patriarcale è consegnata a un diplomatico russo

02.08.2021

Il presidente del Decr ha incontrato il nuovo ambasciatore della Polonia in Russia

02.08.2021

Metropolita Hilarion: il Giorno del Battesimo della Rus’ è una festa di tutta la multimilionaria Chiesa ortodossa russa

31.07.2021

Metropolita Hilarion: la riunificazione è impossibile, se una delle parti considera l’altra “eretica”

31.07.2021

Metropolita Hilarion: la Chiesa esiste per gli uomini di tutte le nazioni

31.07.2021

La processione a Kyiv ha mostrato: la Chiesa ortodossa ucraina è la più numerosa confessione in Ucraina

31.07.2021

Page is available in the following languages
Commenti

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

Invia un messaggio
Рус Укр Eng Deu Ελλ Fra Ita Бълг ქარ Срп Rom عرب