Home page Notizie
Messaggio pasquale di Sua Santità Kirill, Patriarc…

Messaggio pasquale di Sua Santità Kirill, Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’

Messaggio pasquale di Sua Santità Kirill, Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’

ai membri dell’episcopato, del clero, ai monaci e alle monache, e a tutti i fedeli figli e figlie della Chiesa Ortodossa Russa.

 

Amati fratelli nell’episcopato, reverendi padri, venerabili monaci e monache, cari fratelli e sorelle!

CRISTO E’ RISORTO!

Per la grazia di Dio misericordioso abbiamo raggiunto la luminosa notte di Pasqua e gioiamo nuovamente per la gloriosa Resurrezione di Cristo. Porgo a tutti voi, cari miei, i miei più cordiali auguri per questa grande festa, “solennità di tutte le solennità”.

Quasi duemila anni ci dividono dall’evento che ricordiamo oggi. Però ogni anno la Chiesa celebra con trepidazione immutabile la Resurrezione del Signore, testimoniando instancabilmente l’unicità di ciò che è avvenuto nella grotta funeraria accanto alle mura dell’antica Gerusalemme.

Tutto il cammino terreno del Figlio di Dio, dalla sua miracolosa Incarnazione alla Passione e morte terribile sulla croce è compimento di ciò che il Creatore una volta promise ai nostri antenati. Dio promise di mandare nel mondo Colui che  si sarebbe caricato delle nostre sofferenze, si sarebbe addossato i nostri dolori (Is.53,4) e avrebbe salvato il suo popolo dai suoi peccati (Mt.1,21). Il Signore ha confermato questa sua promessa tramite i profeti. Rimaneva fedele alla promessa anche quando il popolo eletto abbandonava l’alleanza e trasgrediva la volontà del Creatore.

Nella Resurrezione di Cristo si è manifestato pienamente l’amore di Dio, siccome in essa viene finalmente superata la morte – l’ultima barriera che divideva l’uomo dalla vera Fonte di vita. E anche se la morte fisica esiste, distruggendo i corpi umani, non è più in grado di uccidere le nostre anime, cioè privarci della vita eterna in comunione con il Creatore. La morte è stata rovesciata, il suo pungiglione è stato estirpato (1 Cor.15,55). Il Signore ha portato con sé prigionieri (Ef.4,8) e ha deposto l’inferno. Nulla è impossibile a Dio (Lc.1, 37):è veramente risorto, come aveva detto (Mt.28,6)!

Quest’anno i popoli del mondo stanno vivendo una prova particolare. La devastante epidemia si è diffusa in tutto il mondo e ha raggiunto anche le nostre parti. Le autorità stanno adottando misure restrittive con lo scopo di prevenire la diffusione esplosiva dell’epidemia. In alcuni paesi della responsabilità pastorale del Patriarcato di Mosca sono sospese le celebrazioni pubbliche, tra cui anche la Divina Liturgia. Però noi, cristiani ortodossi, non dobbiamo arrenderci alla disperazione in queste circostanze difficili, tanto meno lasciarci prendere dal panico. Siamo chiamati a conservare la pace interiore e a ricordare le parole del Salvatore, pronunciate alla vigilia della sua Passione salvifica:  avrete tribolazione nel mondo, ma abbiate fiducia; io ho vinto il mondo! (Gv.16,33).

La Pasqua per l’umanità è stata un passaggio dalla schiavitù del peccato alla libertà del Regno dei cieli, alla  libertà della gloria dei figli di Dio (Rom.8, 21). Solo grazie alla Resurrezione di Cristo otteniamo la vera libertà, della quale parla San Paolo,che ci ammonisce:  Cristo ci ha liberati...state dunque saldi (Gal.5,1). Quante volte abbiamo letto o sentito queste parole? E ora pensiamo: non è che viviamo come se Cristo non fosse risorto? Non è che sprechiamo la ricchezza dell’eternità che ci è stata rivelata tra le infinite preoccupazioni, diventando schiavi della vanità del mondo, cedendo di fronte a paure passeggere e dimenticando il vero tesoro spirituale e la vera chiamata del cristiano di servire il Signore  in santità e giustizia al suo cospetto (Lc.1, 75)?

Però la religione pura e senza macchia davanti a Dio nostro Padre (Giac.1, 27) consiste appunto nel accondiscendere nell’amore e nella pazienza alle debolezze altrui, nell’assistere e appoggiare gli altri nelle prove, secondo l’esempio, rivelato a noi nel Vangelo dal Buon Pastore. Nessuna restrizione esterna può dissolvere la nostra unità e privarci di quella vera libertà spirituale che abbiamo tutti acquisito, conoscendo il nostro Signore e Salvatore Gesù Cristo, che ha vinto la morte e ci ha dato la possibilità di essere chiamati figli di Dio, e lo siamo realmente!  (1 Gv.3,1).

 Un cuore solo e un’anima sola (Atti 4,32) sono caratteristici di tutti i fedeli figli della Chiesa, siccome da soli siamo membra, e nell’unità – l’unico Corpo di Cristo, e niente può separarci dall'amore di Dio (Rom.8, 39). E quindi sappiano quelli che oggi a causa di motivi oggettivi non possono essere in chiesa e pregare insieme che non sono dimenticati; che si prega per loro. La fede ci dà la forza di vivere e di superare, con l’aiuto di Dio, le malattie e le prove, tra cui anche quelli che ci hanno afflitto con la diffusione del virus pericoloso.

Chiamo caldamente tutti voi, cari miei, a rafforzare la preghiera comune, perché il Signore ci dia la grazia di rimanere compartecipi della vita liturgica della Chiesa, malgrado tutte le difficoltà; perché il sacramento dell’Eucarestia continui a essere celebrato e perché i fedeli possano accedere al alla vera Fonte della vita – il Corpo e il Sangue di Cristo; perché i malati ricevano la guarigione e i sani siano salvati dall’infezione.

Crediamo che il Signore Risorto non ci lascerà e ci darà la perseveranza e il coraggio, necessari per rimanere saldi nella fede e raggiungere la vita eterna alla fine del cammino della vita terrestre.

Mi congratulo con tutti voi, cari fratelli e sorelle, per la festa luminosa della Santa Pasqua, e vi chiamo a essere sempre degni dell’immagine di discepoli del  Signore, dando buon esempio a coloro che ci circondano e annunciando la perfezione di Colui che vi ha chiamato dalle tenebre alla sua ammirabile luce (1 Pt.2,9), affinché per tutto il tempo della nostra vita testimoniamo con le opere la forza immortale e la verità delle parole pasquali:

CRISTO E’ VERAMENTE RISORTO!

+Kirill,

il Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’

Pasqua del Signore 2020


In altre lingue:

Condividere:
Il Patriarca Kirill: il nostro gregge si trova sia in Russia che in Ucraina; preghiamo con fervore per la restaurazione della pace

18.05.2022

Commento del Servizio di comunicazione del Dipartimento per le relazioni esterne in merito all'intervista di Papa Francesco al Corriere della sera

04.05.2022

Sua Santità il Patriarca Kirill ha avuto un colloquio con il Primate della Chiesa ortodossa serba

27.04.2022

Messaggio pasquale di Sua Santità Kirill, Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’ ai membri dell’episcopato, del clero, ai monaci e alle monache e a tutti i fedeli figli e figlie della Chiesa ortodossa russa

23.04.2022

L'assistenza ai rifugiati e ai civili feriti in Ucraina è stata discussa alla riunione del Santo Sinodo

25.03.2022

Sua Santità il Patriarca Kirill ha presieduto una riunione del Santo Sinodo della Chiesa ortodossa russa

24.03.2022

Condoglianze di Sua Santità il Patriarca Kirill per la morte delle persone in un incidente aereo nel sud della Cina

21.03.2022

Discorso di Sua Santità il Patriarca Kirill alla riunione del Consiglio Supremo della Chiesa ortodossa russa il 18 marzo 2022

18.03.2022

Sua Santità il Patriarca Kirill ha presieduto una riunione del  Consiglio Supremo della Chiesa ortodossa russa

18.03.2022

Ha avuto luogo una conversazione di Sua Santità il Patriarca Kirill con l’arcivescovo di Canterbury Justin Welby

16.03.2022

Sua Santità il Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’ Kirill ha avuto un colloquio con Papa Francesco

16.03.2022

Sua Santità il Patriarca Kirill ha tenuto una riunione con i capi di alcune istituzioni ecclesiastiche

10.03.2022

Ha avuto luogo l’incontro di Sua Santità il Patriarca Kirill con il Nunzio Apostolico in Russia

03.03.2022

Sua Santità il Patriarca Kirill ha chiamato i fedeli a pregare per la pace e l’unità della Chiesa

27.02.2022

Messaggio del Patriarca Kirill agli arcipastori, al clero, ai monaci e a tutti i figli fedeli della Chiesa russa

24.02.2022

Il metropolita Hilarion ha incontrato la dirigenza dell’organizzazione umanitaria inter-cristiana ACT Alliance

13.05.2022

Il metropolita Hilarion di Volokolamsk ha incontrato l’Arcivescovo Crisostomo di Cipro

12.05.2022

Il metropolita Hilarion di Volokolamsk ha incontrato il capo del Dipartimento per le relazioni esterne della Chiesa malankarese

11.05.2022

Il presidente del Decr ha incontrato un rappresentante del Catolicosato di Cilicia della Chiesa apostolica armena

11.05.2022

Delegazione della Chiesa ortodossa russa partecipa alla Pre-Assemblea ortodossa del Consiglio Ecumenico delle Chiese

10.05.2022

Il metropolita Hilarion ha raccontato del lavoro svolto dalla Chiesa nelle condizioni del conflitto politico in Ucraina

09.05.2022

Il metropolita Hilarion ha raccontato i dettagli della conversazione di Sua Santità il Patriarca Kirill con Papa Francesco

09.05.2022

Sua Santità il Patriarca Kirill ha avuto un colloquio con il Primate della Chiesa ortodossa serba

27.04.2022

Il presidente del Decr ha inviato al Papa Emerito Benedetto XVI gli auguri per il 95° compleanno

16.04.2022

Il Presidente del Decr: l’organizzazione dell'incontro del Papa e del Patriarca richiede una preparazione dettagliata

11.04.2022

Il metropolita Hilarion: la Russia e la Francia hanno legami molto profondi

11.04.2022

Il presidente del Decr ha incontrato il capo della sezione di Mosca del Centro per il dialogo umanitario

11.04.2022

Il presidente del Decr ha incontrato l'Ambasciatore di Francia in Russia

06.04.2022

Il presidente del Dipartimento per le relazioni ecclesiastiche esterne ha incontrato l’Ambasciatore dell’Unione Europea a Mosca

06.04.2022

Il metropolita Hilarion: La Chiesa russa continua ad aiutare la Chiesa armena nel suo dialogo con i musulmani dell'Azerbaigian

04.04.2022

Page is available in the following languages
Commenti

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

Invia un messaggio
Рус Укр Eng Deu Ελλ Fra Ita Бълг ქარ Срп Rom عرب