Home page Notizie
Il metropolita Hilarion ha partecipato all’inaugur…

Il metropolita Hilarion ha partecipato all’inaugurazione della mostra in occasione del 200° anniversario di F. M. Dostoevskij

Il 12 maggio 2021 nel Museo statale della storia della letteratura russa V. I. Dahl in boulevard Zubovskij a Mosca è stata inaugurata la mostra “Fedor Dostoevskij. Impressioni forti” in occasione del 200° anniversario della nascita dello scrittore che si celebra quest’anno.

Alla cerimonia erano presenti dei rappresentanti dello stato, del governo di Mosca, del mondo museale della Russia e della Germania, degli studiosi delle opere di Dostoevskij di vari paesi e teoreti letterari. All’evento solenne hanno partecipato anche l’ambasciatore della Polonia in Russia Krzysztof Krajewski, l’ambasciatore della Lituania nella Federazione Russa Eitvydas Bajarūnas, dei rappresentanti delle ambasciate della Svizzera, della Germania, dell’Austria e d’Israele.

Il direttore del Museo statale della storia della letteratura russa D. P. Bak ha dato il benvenuto ai partecipanti e ospiti della cerimonia.

Il vice ministro della cultura A. Ju. Manilova ha letto il saluto del ministro della cultura della Russia O. B. Ljubimova. “Il fatto che il Museo Dahl ormai da un secolo custodisce le testimonianze del patrimonio letterario del nostro paese conferisce alla mostra uno status particolare”, dice il testo del saluto.

Da parte sua A. Ju. Manilova ha sottolineato la grande scala e l’unicità di questa mostra – i visitatori vedranno molti ogetti esposti per la prima volta. Ha anche affermato che, grazie alla proposta del metropolita Hilarion di Volokolamsk, il Ministero della cultura della Federazione russa ha incluso nel programma dei Giorni della cultura spirituale della Russia all’estero degli eventi dedicati a F. M. Dostoevskij.

Come ha osservato il capo del Dipartimento della cultura di Mosca A. V. Kibovskij, la mostra “Fedor Dostoevskij. Impressioni forti” è un omaggio, un tributo”. Al suo parere, l’esposizione è destinata a una vasta gamma di persone.

Nel suo discorso il presidente del Dipartimento per le relazioni ecclesiastiche esterne (Decr) del Patriarcato di Mosca metropolita Hilarion di Volokolamsk ha citato le parole del collezionista e mecenate Pavel Tretjakov, il quale il giorno dopo la morte di Dostoevskij nella sua lettera al pittore Ivan Kramskoj sottolineava: “Egli era non solo un apostolo, ma un profeta. Era un maestro di tutto il bene, rappresentava la nostra coscienza sociale”. “Mi sembra che sia difficile caratterizzare F. M. Dostoevskij meglio di come l’ha fatto il nostro grande collezionista in una frase così concisa”, ha detto il metropolita Hilarion, “Che cosa è un apostolo? È un discepolo di Cristo che dedica tutta la sua vita alla predicazione di Cristo. Certo, Fedor Mikhajlovich era e rimane un tale apostolo. Anzi, in tanti paesi del mondo dove praticamente non si conosce affatto la Chiesa ortodossa, né la cultura ortodossa, né la Russia in generale, la gente comincia a saperne dai libri di Dostoevskij. La sua predicazione di Cristo non è una predicazione diretta, che spetta a noi, chierici, ma è presente in tutti i romanzi del suo grande “pentateuco”, nel suo “Diario di uno scrittore”, in molte delle sue opere e risuona ancora nei cuori di milioni di uomini”.

Il metropolita ha osservato che ci sono persone che diventano credenti e persino sacerdoti grazie a questo scrittore. “Un mio amico, il quale da 25 anni fà il sacerdote a Mosca, è un inglese di origine che ha studiato all’Università di Oxford e ha scritto una tesi su F. M. Dostoevskij. Scrivendo questa tesi, entrava sempre più profondamente nel mondo di Dostoevskij, nel mondo ortodosso. Finalmente, si è sposato con una ragazza russa, si è convertito all’Ortodossia ed è diventato sacerdote”, ha raccontato il metropolita Hilarion, sottolineando che ci sono migliaia di esempi simili e forse anche centinaia di migliaia.

Secondo Sua Eminenza, Dostoevskij è giustamente chiamato anche un profeta nella lettera di Tretjakov: “Un profeta è l’uomo che proclama la volontà di Dio, preavvisa dei disastri a venire e predice il futuro. Troviamo tutto ciò sulle pagine dei romanzi di Dostoevskij. Nei “Demoni”, nei “Fratelli Karamazov” e in altri scritti egli ammonisce della perdita della fede, dei punti di riferimento morali, di tutto quello che più tardi causò la grande catastrofe storica del nostro popolo, dalla quale finora non riusciamo a rimetterci”.

Il metropolita ha citato la testimonianza di Fedor Mikhajlovich su di sé stesso dopo i quattro anni dei lavori forzati. “In questi anni ho composto dentro di me un credo in cui tutto per me è chiaro e sacro. Questo credo è molto semplice, eccolo: credere che non ci sia niente di più bello, più profondo, più simpatico, più razionale, più coraggioso e più perfetto di Cristo”, ha scritto Dostoevskij.

“Per lui il Cristo era l’ideale spirituale e morale assoluto”, ha sottolineato il metropolita Hilarion di Volokolamsk, “Egli cercava di avvicinarsi a questo ideale tramite i suoi personaggi “cristici” come quello del principe Myshkin o quello di Aljosha Karamazov. Persino aveva l’intenzione di scrivere un libro su Cristo. Questo sogno non è stato realizzato, ma la sua percezione della personalità di Cristo si riflette nei romanzi scritti da lui e particolarmente in quelle immagini meravigliose che Dostoevskij ha donato alla letteratura russa e al mondo. Penso che dobbiamo essere tutti infinitamente grati a Fedor Mikhajlovich per tutto quello che ha fatto”.

“Come uomo di Chiesa, non posso non dire che per la Chiesa ortodossa russa egli è veramente un apostolo e un profeta, un uomo di cui siamo fieri, il cui genio veneriamo, i cui libri leggiamo, il quale, come nessun’altro nella letteratura russa, riuscì ad aprire ai suoi contemporanei e ai loro discendenti - nostri contemporanei -   la profondità e la bellezza della fede ortodossa”, ha concluso il metropolita.

Durante la cerimonia dell’inaugurazione della mostra dedicata a F. M. Dostoevskij hanno intervenuto il capo ufficio affari culturali dell’Ambasciata della Repubblica federale di Germania Jan Kantortschik, il presidente della Fondazione Dostoevskij Igor Volghin, il curatore della mostra Pavel Fokin.

La grande esposizione “Fedor Dostoevskij. Impressioni forti” è collocata su due piani della palazzina di Ljuboscinskij – Vernadskij, la cui inaugurazione è stata uno degli eventi chiavi del festeggiamento del giubileo dello scrittore e del centenario del Museo statale della storia della letteratura russa V. I. Dahl.

Condividere:
Sua Santità il Patriarca Kirill ha incontrato il presidente della Direzione dei musulmani del Caucaso Sceicco-ul-islam Allahshukjur Pasha-zade

12.10.2021

Il Primate della Chiesa ortodossa russa ha incontrato il Supremo Patriarca e Katholikos di tutti gli armeni

12.10.2021

Sua Santità il Patriarca Kirill ha consegnato le onorificenze ecclesiastiche al presidente del Decr e ai suoi vice

27.09.2021

Sua Santità il Patriarca Kirill: il Patriarca Bartolomeo è caduto nello scisma

27.09.2021

Sua Santità il Patriarca Kirill ha presieduto una riunione ordinaria del Santo Sinodo della Chiesa ortodossa russa

23.09.2021

Sua Santità il Patriarca Kirill ha inaugurato un simposio dedicato al primato e alla sinodalità nell’Ortodossia

16.09.2021

Messaggio del Primate della Chiesa ortodossa russa ai partecipanti al Forum Interreligioso del G20

12.09.2021

Sua Santità il Patriarca Kirill: le forze del male stanno lacerando l'unità delle Chiese ortodosse

29.08.2021

Saluto di Sua Santità il Patriarca Kirill ai partecipanti del Festival “Russia – Grecia. Insieme attraverso i secoli”

21.08.2021

Auguri di Sua Santità il Patriarca Kirill al Katholikos di tutti gli armeni Karekin II in occasione del suo 70° compleanno

21.08.2021

Messaggio di Sua Santità il Patriarca Kirill agli atleti della Russia – partecipanti alle XXXII Olimpiadi estive a Tokyo

10.08.2021

Sua Santità il Patriarca Kirill ha presieduto una riunione ordinaria del Santo Sinodo della Chiesa ortodossa russa

17.06.2021

Sua Santità il Patriarca Kirill ha presieduto una riunione del Supremo Consiglio della Chiesa

15.06.2021

Auguri di Sua Santità il Patriarca Kirill a Raul Castro Rus per il suo novantesimo compleanno

03.06.2021

Si svolgono le riunioni della seconda giornata della plenaria del Consiglio interconciliare presieduta da Sua Santità il Patriarca Kirill

27.05.2021

Il metropolita Hilarion di Volokolamsk ha incontrato dei rappresentanti della Comunità di Sant’Egidio

20.10.2021

Il presidente del Decr ha partecipato a una riunione dedicata al 25° anniversario della Casa dell’estero russo

18.10.2021

Sua Santità il Patriarca Kirill ha incontrato il presidente della Direzione dei musulmani del Caucaso Sceicco-ul-islam Allahshukjur Pasha-zade

12.10.2021

Il Primate della Chiesa ortodossa russa ha incontrato il Supremo Patriarca e Katholikos di tutti gli armeni

12.10.2021

Il Patriarca-Katholikos Karekin II è arrivato a Mosca sull’invito di Sua Santità il Patriarca Kirill

11.10.2021

Il metropolita Hilarion ha incontrato il Cardinale Luis Antonio Tagle

07.10.2021

Il metropolita Hilarion di Volokolamsk ha fatto un discorso alla presentazione della versione italiana dei “Tre discorsi in memoria di F. M. Dostoevskij” di V. S. Solov’ev

06.10.2021

Il presidente del Decr ha incontrato Papa Francesco

06.10.2021

Il metropolita Hilarion ha partecipato all’incontro interreligioso sul tema “Religione e istruzione”

06.10.2021

Il metropolita Hilarion di Volokolamsk ha incontrato il presidente del Pontificio Consiglio per la promozione dell’unità dei cristiani

05.10.2021

Il presidente del Decr ha partecipato al Summit dei leader religiosi a Roma dedicato al tema di cambiamento climatico

04.10.2021

Ha avuto luogo la presentazione della versione cinese del libro del Patriarca Kirill “Pensieri per ogni giorno dell’anno”

01.10.2021

Ha avuto luogo una sessione plenaria della Commissione biblico-teologica sinodale

29.09.2021

Sua Santità il Patriarca Kirill ha consegnato le onorificenze ecclesiastiche al presidente del Decr e ai suoi vice

27.09.2021

Sua Santità il Patriarca Kirill ha presieduto una riunione ordinaria del Santo Sinodo della Chiesa ortodossa russa

23.09.2021

Commenti

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

Invia un messaggio
Рус Укр Eng Deu Ελλ Fra Ita Бълг ქარ Срп Rom عرب