Home page Notizie
Il vicepresidente del Decr ha parlato degli s…

Il vicepresidente del Decr ha parlato degli scismi come strumenti di geopolitica

Il 1° marzo 2021 a Mosca, presso la Camera Civica della Federazione Russa, si è svolta una tavola rotonda sul tema "Il ruolo della società civile nel garantire la stabilità nella regione del Mar Nero e dei Balcani".

L'evento è stato organizzato dalla Commissione per la sicurezza e l'interazione con le Commissioni di monitoraggio pubblico della Camera Civica, la Rappresentanza della Repubblica di Crimea presso il Presidente della Federazione Russa, il Centro commerciale e culturale della Repubblica di Crimea.

Alla tavola rotonda è stato presentato il rapporto del vicepresidente del Dipartimento per le relazioni ecclesiastiche esterne del Patriarcato di Mosca, arcivescovo Leonid di Vladikavkaz e dell’Alania sul tema "Gli scismi ecclesiastici in Ucraina e Montenegro come strumento di geopolitica".

Notando che sul territorio dei paesi del Mar Nero e della regione dei Balcani ci sono diocesi di sette delle quindici Chiese ortodosse locali, Sua Eccellenza si è soffermato, in particolare, sulla situazione in Montenegro, dove nel 2019 è stata approvata una legge che permetteva alle autorità di confiscare chiese e monasteri antichi della Chiesa ortodossa serba, alla quale appartiene la stragrande maggioranza dei montenegrini ortodossi. L'adozione della legge ha provocato una forte reazione da parte degli abitanti del Montenegro. L'arcivescovo Leonid ha ricordato: “Le azioni di protesta si sono diffuse in tutto il Paese. Migliaia di persone, nonostante le restrizioni imposte dopo lo scoppio della pandemia, sono scese in piazza per dichiarare che non avrebbero rinunciato ai loro santuari. I vescovi della Chiesa ortodossa serba in Montenegro, compreso il memorabile metropolita del Montenegro e del Litorale Amfilohije, si sono schierati per l'abolizione di questa legge discriminatoria ". Ha inoltre osservato che il Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’ Kirill e il Santo Sinodo della Chiesa ortodossa russa, nonché i Primati e i vescovi delle Chiese di Gerusalemme, Romania, Polonia, Terre Ceche e Slovacchia hanno sostenuto l’unità canonica della Chiesa serba.

Infine, ha affermato l’arcivescovo, nel gennaio di quest'anno il Presidente del Montenegro, Milo Djukanovic, è stato costretto a firmare gli emendamenti alla legge sulla libertà di religione, adottati dal parlamento, abrogando le disposizioni dell'atto legislativo che erano discriminatorie nei confronti della Chiesa ortodossa serba.

Il vicepresidente del Decr ha tracciato un parallelo con la situazione in Ucraina, dove l'ex presidente Poroshenko appogiò una struttura non canonica.

Parlando della cosiddetta "Chiesa ortodossa dell'Ucraina", creata nel 2018 con una palese violazione dei canoni ecclesiastici, l’arcivescovo Leonid ha messo in rilievo che quella “sin dall’inizio è stata un progetto puramente politico, mirato all’indebolimento della Chiesa ortodossa russa e dell’Ortodossia, nonché alla divisione dei popoli di Russia e Ucraina”.

Ha anche sottolineato che il progetto di creare la “Chiesa ortodossa dell’Ucraina”, alla quale ha preso parte il patriarca Bartolomeo di Costantinopoli, si inserisce nella logica degli scontri geopolitici nel mondo moderno.

“Esprimo la mia ferma speranza che lo scisma nell'Ortodossia mondiale, avviato da forze politiche esterne ostili alla Chiesa di Cristo, non durerà a lungo. Oggi dobbiamo tutti fermarci, pensare seriamente a ciò che sta accadendo e agire non per volere di funzionari d'oltremare, ma come ci suggerirà lo Spirito Santo, la nostra coscienza cristiana e i sacri canoni della Madre Chiesa ", ha riassunto l'Arcivescovo di Vladikavkaz e dell’Alania Leonid.

All'evento hanno partecipato rappresentanti della Duma di Stato, del Ministero degli Affari Esteri della Russia, della Camera Civica della Federazione Russa, nonché altri personaggi pubblici e scienziati.

Поделиться:
Il Patriarca maronita ha ringraziato il Primate della Chiesa russa per la partecipazione al destino dei cristiani del Medio Oriente

13.04.2021

La lettera di ringraziamento del Patriarca d’Etiopia Abuna Mattia al Primate della Chiesa ortodossa russa

12.04.2021

Сondoglianze del Patriarca in occasione dell’attentato a Makasar in Indonesia

29.03.2021

Congratulazioni patriarcali all’arcivescovo Serafim di Sendai per il 70° compleanno

23.03.2021

Il Patriarca Kirill si congratula con il metropolita Porfirije per la sua elezione alla Sede Patriarcale serba

18.02.2021

Il Patriarca Kirill è stato insignito della più alta decorazione statale della Serbia

15.02.2021

Il Presidente della Russia Vladimir Putin si è congratulato con Sua Santità il Patriarca Kirill per l’anniversario della sua intronizzazione patriarcale

01.02.2021

Papa Francesco manda al Patriarca Kirill gli auguri natalizi

07.01.2021

Il Sacro Sinodo ha costatato l'impossibilità della comunione eucaristica con l'arcivescovo di Cipro Crisostomo

20.11.2020

В дистанционном формате прошло заседание Священного Синода Русской Православной Церкви

20.11.2020

Dichiarazione del Patriarca di Mosca e di tutta la Rus' Kirill sullo status della chiesa di Santa Sofia

06.07.2020

Messaggio pasquale di Sua Santità Kirill, Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’

18.04.2020

Messaggio natalizio di Sua Santità Kirill, Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’

06.01.2020

Messaggio natalizio di Sua Santità Kirill, Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’

05.01.2019

Il Patriarca Kirill ha discusso per telefono della situazione in Siria con Papa Francesco e i Patriarchi ortodossi del Medio Oriente

14.04.2018

Il presidente del Decr ha inviato le condoglianze per la morte del Cardinale Edward Cassidy

12.04.2021

Il metropolita Hilarion: l’attività di un politico non deve contraddire le sue convinzioni religiose

11.04.2021

Il periodo della pandemia non è propizio per i pellegrinaggi all’estero, pensa il metropolita Hilarion

11.04.2021

Il presidente del Decr incontra l'ambasciatore slovacco in Russia

06.04.2021

Il metropolita Hilarion: nei paesi occodentali l’ideologia del gender viene inculcata ai bambini in età da asilo

27.03.2021

Il metropolita Hilarion: la Chiesa non benedice le unioni omosessuali, poiché sono peccaminose

27.03.2021

Il metropolita Hilarion: proprio il cristianesimo ha causato l’abolizione della schiavitù

27.03.2021

Il presidente del Decr si è congratulato con l’arcivescovo Serafim di Sendai per il 70° annivesario

23.03.2021

Il metropolita Hilarion: in Ucraina è stata de facto bandita la Chiesa canonica

20.03.2021

Il metropolita Hilarion: la scismatica “Chiesa ortodossa in Ucraina” non ha ricevuto un’autocefalia reale

20.03.2021

Il metropolita Hilarion: l’ideologia europea diventa fondamentalmente antireligiosa

14.03.2021

Il metropolita Hilarion ha sottolineato l’importanza degli incontri inter-ortodossi nel “format di Amman”

13.03.2021

Il metropolita Hilarion: Chiese e comunità religiose diventano bersagli per la comunità LGBT

28.02.2021

Il metropolita Hilarion: il patriarca di Costantinopoli non ha gregge in Ucraina

27.02.2021

Il presidente del DECR ha incontrato il nuovo ambasciatore russo in Ungheria

26.02.2021

Commenti

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

Invia un messaggio