Home page Notizie
Il Patriarca celebra al monastero russo del m…

Il Patriarca celebra al monastero russo del monte Athos

Il 5 giugno il Patriarca di Mosca e tutta la Rus’ Kirill ha celebrato la Divina Liturgia nella chiesa principale del monastero russo della Santa Montagna, dedicato a s. Pateleimone. Con Sua Santità hanno concelebrato il rappresentante del Patriarca di Costantinopoli nella Santa Montagna, metropolita Apostolos di Mileto, il presidente del Dipartimento per le relazioni ecclesiastiche esterne del Patriarcato di Mosca, metropolita Hilarion di Volokolamsk, il Presidente del Dipartimento sinodale del Patriarcato per i monasteri e la vita monastica e vicario della Laura della Trinità di S. Sergio, arcivescovo Feognost di Sergiev Posad, il capo della Segreteria amministrativa del Patriarcato, vescovo Sergij di Solnechnogorsk, l’archimandrita Ieremija (Alekhin), igumeno del monastero, e altri chierici.

Tra i presenti al culto, il rappresentante plenipotenziario del Presidente della Federazione Russa nel Distretto Federale Centrale A. Beglov, il presidente della Duma di Stato della Russia per gli affari della CIS e i rapporti con i connazionali all’estero L. Slutsky e il presidente del Dipartimento sinodale per l’informazione del Patriarcato di Mosca V. Legojda.

Alla fine della Liturgia l’archimandrita Ieremija ha regalato al Patriarca un’icona di Tutti i santi. Nel suo sermone rivolto ai presenti, Sua Santità ha espresso la propria emozione di celebrare la liturgia nel monastero russo della Santa Montagna in cui diverse generazioni di monaci della Chiesa Russa hanno pregato. Riferendosi al vangelo del giorno sulla moltiplicazione dei pani (Gv 6, 5-14), il Patriarca Kirill ha sottolineato che l’entusiasmo con cui i cinquemila sfamati accolsero allora il miracolo di Cristo, era dovuto anche alla rappresentazione che molti avevano del Messia, come di un forte capo che avrebbe unito il popolo e lo avrebbe aiutato a liberarsi del giogo dell’oppressione romana.  Quando queste attese furono deluse dall’arresto e la condanna di Gesù, quella stessa folla ne chiese la crocifissione.

Oggi come allora molta gente è alla ricerca esclusiva di beni materiali e riconosce come leaders coloro che promettono il benessere. Cristo invece chiede a quanti lo vogliono seguire di prendere la propria croce.

“Trovandovi qui, lontani dal caos e dalla frenesia della vita di tutti i giorni, voi mantenete la capacità di vedere, sentire, la priorità assoluta della vita, perché avete abbandonato tutto ciò che è caro alla gente, quei beni materiali per i quali tanta gente lavora a volte tutta la vita – ha detto Sua Santità, rivolgendosi alla comunità monastica presente. –  Voi avete rinunciato al denaro, al benessere, alla famiglia - e ciò vi apre una comprensione speciale di che cos’è la parola di Dio. Essa non è un sistema filosofico, ma l’autentica rivelazione divina del significato e dello scopo dell'esistenza umana. La vostra vita di preghiera vi fa sentire chiaramente questo. Ma ciò vi dà una responsabilità particolare: quella di pregare non solo per voi stessi, ma per il mondo intero”.

“Ogni giorno, nelle vostre preghiere individuali e comunitarie, pregate per tutta l’umanità – ha chiesto il Patriarca, – perché il Signore conceda a tutti di giungere alla conversione. Pregate per la nostra Patria, che oggi ha una responsabilità speciale, anche per la salvaguardia dell'ortodossia. Sappiamo che il nemico del genere umano insorge oggi contro la Chiesa, e forse anche a voi giungono echi di questa difficile lotta. Noi, in mezzo al mondo, siamo in prima linea in questa lotta: e quanto abbiamo bisogno del vostro aiuto, del vostro sostegno spirituale, del vostro ricordo di preghiera, ogni giorno e ogni ora, per tutta la nostra gente, la nostra Chiesa, e per tutto il genere umano!”.

Il Primate della Chiesa Russa ha donato al monastero un’icona della Madre di Dio “Kurskaja-Korennaja” e una lampada che un tempo si trovava nel monastero, davanti alle reliquie di s. Pantaleimone, e che diversi decenni fa fu portata dal monte Athos in Russia. Un’altra icona, rappresentante tutti i santi monaci russi del monte Athos, è stata donata da parte del capo del governo della Federazione Russa Dmitrij Medvedev, che dirige anche la Fondazione russa per la ristrutturazione del monastero di s. Panteleimone.

Dopo la fine della celebrazione, il Patriarca Kirill ha condiviso il pasto con la comunità monastica.

Поделиться:
Сondoglianze del Patriarca in occasione dell’attentato a Makasar in Indonesia

29.03.2021

Congratulazioni patriarcali all’arcivescovo Serafim di Sendai per il 70° compleanno

23.03.2021

Il Patriarca Kirill si congratula con il metropolita Porfirije per la sua elezione alla Sede Patriarcale serba

18.02.2021

Il Patriarca Kirill è stato insignito della più alta decorazione statale della Serbia

15.02.2021

Il Presidente della Russia Vladimir Putin si è congratulato con Sua Santità il Patriarca Kirill per l’anniversario della sua intronizzazione patriarcale

01.02.2021

Papa Francesco manda al Patriarca Kirill gli auguri natalizi

07.01.2021

Il Sacro Sinodo ha costatato l'impossibilità della comunione eucaristica con l'arcivescovo di Cipro Crisostomo

20.11.2020

В дистанционном формате прошло заседание Священного Синода Русской Православной Церкви

20.11.2020

Dichiarazione del Patriarca di Mosca e di tutta la Rus' Kirill sullo status della chiesa di Santa Sofia

06.07.2020

Messaggio pasquale di Sua Santità Kirill, Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’

18.04.2020

Messaggio natalizio di Sua Santità Kirill, Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’

06.01.2020

Messaggio natalizio di Sua Santità Kirill, Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’

05.01.2019

Il Patriarca Kirill ha discusso per telefono della situazione in Siria con Papa Francesco e i Patriarchi ortodossi del Medio Oriente

14.04.2018

Il Patriarca accoglie delegazione della provincia di Trento

27.02.2018

Messaggio natalizio di Sua Santità Kirill, Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’

06.01.2018

Il metropolita Hilarion: l’attività di un politico non deve contraddire le sue convinzioni religiose

11.04.2021

Il periodo della pandemia non è propizio per i pellegrinaggi all’estero, pensa il metropolita Hilarion

11.04.2021

Il presidente del Decr incontra l'ambasciatore slovacco in Russia

06.04.2021

Il metropolita Hilarion: nei paesi occodentali l’ideologia del gender viene inculcata ai bambini in età da asilo

27.03.2021

Il metropolita Hilarion: la Chiesa non benedice le unioni omosessuali, poiché sono peccaminose

27.03.2021

Il metropolita Hilarion: proprio il cristianesimo ha causato l’abolizione della schiavitù

27.03.2021

Il presidente del Decr si è congratulato con l’arcivescovo Serafim di Sendai per il 70° annivesario

23.03.2021

Il metropolita Hilarion: in Ucraina è stata de facto bandita la Chiesa canonica

20.03.2021

Il metropolita Hilarion: la scismatica “Chiesa ortodossa in Ucraina” non ha ricevuto un’autocefalia reale

20.03.2021

Il metropolita Hilarion: l’ideologia europea diventa fondamentalmente antireligiosa

14.03.2021

Il metropolita Hilarion ha sottolineato l’importanza degli incontri inter-ortodossi nel “format di Amman”

13.03.2021

Il metropolita Hilarion: Chiese e comunità religiose diventano bersagli per la comunità LGBT

28.02.2021

Il metropolita Hilarion: il patriarca di Costantinopoli non ha gregge in Ucraina

27.02.2021

Il presidente del DECR ha incontrato il nuovo ambasciatore russo in Ungheria

26.02.2021

Il presidente del Decr ha tenuto un video incontro con il segretario generale dell'Alleanza evangelica mondiale

25.02.2021

Commenti

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

Invia un messaggio