Home page Notizie
Messaggio natalizio di Sua Santità Kirill, Patria…

Messaggio natalizio di Sua Santità Kirill, Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’

Eminenze e Eccellenze Reverendissime, reverendi presbiteri e diaconi, venerabili monaci e monache, cari fratelli e sorelle,

 

in questa santa notte saluto cordialmente tutti voi e vi rivolgo dal profondo dell’anima i miei auguri in occasione della grande festa del Natale di Cristo. Questa festa è il compimento delle promesse antiche di salvezza del genere umano, la manifestazione dell’amore ineffabile del Creatore per le sue creature, la celebrazione della venuta al mondo del Messia, Figlio di Dio.

Nei secoli passati molto è stato detto dai santi padri sul mistero dell’Incarnazione. Come loro un tempo, anche noi oggi ascoltiamo con attenzione le parole delle preghiere e degli inni liturgici, meditiamo la Sacra Scrittura che ci trasmette questo glorioso avvenimento e non smettiamo di contemplare con ammirazione questo straordinario miracolo.

Meditando sul Natale di Cristo, San Simeone il Nuovo Teologo scrive: “Dio, venendo al mondo, (…) ha unito la natura divina alla natura umana, affinché l’uomo si faccia Dio, e in tale uomo, fattosi Dio per Grazia, prenda dimora misteriosamente la Santissima Trinità” (Sermone 10). Sant’Efrem il Siro dice dell’Incarnazione: “Ora la Divinità ha preso su di Sé il marchio dell’umanità, affinché anche l’umanità sia abbellita del marchio della Divinità” (Inno per il Natale di Cristo).

Meditando queste sagge parole ci chiediamo: in che modo possiamo abbellirci di questo marchio divino? Come raggiungere quella somiglianza a Dio, alla quale l’uomo è chiamato fin dalla fondazione del mondo? Come vivere in modo che “sia formato Cristo in noi” (cf. Gal 4, 19)? E’ semplice: non dobbiamo che seguire i comandamenti del Salvatore. Cari fratelli e sorelle, facendo mia l’esortazione di San Paolo mi rivolgo a ognuno e ognuna di voi: “Portate i pesi gli uni degli altri, così adempirete la legge di Cristo” (Gal 6, 2). Tutto coprite con l’amore, e troverete la pace e il riposo per le vostre anime; per tutti abbiate misericordia, e nei vostri cuori prenderà dimora quella gioia che “nessuno vi potrà togliere” (Gv 16, 23); “con la vostra perseveranza salvate le vostre anime” (cf. Lc 21,19), e erediterete la vita eterna.

E’ di primaria importanza che noi cristiani non soltanto esortiamo gli altri a seguire alti ideali morali, ma ci impegniamo di persona a incarnarli nella nostra vita quotidiana, prima di tutto nel servizio concreto a ogni prossimo. Allora, con l’aiuto di Dio, vedremo in noi crescere i veri frutti dello Spirito: “amore, gioia, pace, pazienza, benevolenza, bontà, fedeltà, mitezza, dominio di sé” (Gal 5, 22).

“Cerchiamo di stimolarci a vicenda nella carità e nelle opere buone” (Ebr 10, 24). Superando conflitti e divisioni porteremo al mondo il sorprendente annuncio della nascita del Salvatore e con le opere testimonieremo la straordinaria bellezza e forza spirituale della fede ortodossa.

Inizia l’anno 2017. Esattamente cento anni ci separano dagli avvenimenti che hanno radicalmente cambiato la vita della Russia, il nostro grande Paese multietnico, gettandola nella follia della guerra civile, in cui i figli sono insorto contro i genitori e i fratelli contro i fratelli. Le perdite e sciagure che ha successivamente attraversato il nostro popolo in gran parte sono state determinate da questa distruzione del sistema politico che era esistito per un millennio, e dalla lotta con la fede religiosa della gente, che causò una profonda divisione in seno alla società.

Con timore e riverenza ricordiamo l’impresa dei neomartiri e confessori della Chiesa russa per le cui preghiere, ne siamo convinti, il Signore non ha abbandonato il nostro popolo e gli ha dato le forze di compiere prodezze e grandi imprese, sociali e belliche, che ci hanno portati alla vittoria nella più terribile delle guerre, alla ricostruzione del Paese e a realizzazioni che suscitano l’ammirazione.

Ringraziamo Dio per il miracolo, che ha manifestato a tutto il mondo, della rinascita della fede e della pietà nel nostro popolo, della ricostruzione dei luoghi santi distrutti, della costruzione di nuove chiese e monasteri che è un segno visibile dei profondi cambiamenti avvenuti nel cuore degli uomini.

Gli ultimi decenni hanno comportato per la nostra vita non poche difficoltà e prove: esse sono tuttavia passeggere e perciò non ci fanno paura. L’esperienza del secolo passato ci ha insegnato molte cose e deve esserci di ammonimento.

Continuiamo a percorrere le vie della salvezza, consci che Dio è con noi. Rafforziamoci nella fede, perché Dio è con noi. Confermiamoci nella speranza, perché Dio è con noi. Sforziamoci di crescere nell’amore, operando il bene, perché Dio è con noi.

Riponiamo tutta la nostra fiducia nel Signore, poiché Egli “è una roccia eterna” (Is 26, 4) e, come testimonia l’apostolo Pietro, “in nessun altro c'è salvezza” (At 4, 12). E che la luce di Cristo rischiari sempre il nostro cammino terreno, e questo cammino ci porti al Regno dei cieli, che il Signore ha preparato per quanti lo amano.

Esultando nello spirito insieme a tutti voi, che vivete in Stati, città e paesi diversi, ma formate un’unica Chiesa di Cristo, vorrei in unità di preghiera augurare a tutti voi salute del corpo e dello spirito, pace nelle vostre famiglie, successo nelle vostre opere. E che il Signore e Salvatore nato a Betlemme conceda a ognuno e ognuna di sentire con nuova forza e con tutto il cuore la Sua presenza nella propria vita. Amen.

+ Kirill,

Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’

 Mosca,

Natale di Cristo 2016


In altre lingue:

Поделиться:
Il Patriarca Kirill si congratula con il metropolita Porfirije per la sua elezione alla Sede Patriarcale serba

18.02.2021

Il Patriarca Kirill è stato insignito della più alta decorazione statale della Serbia

15.02.2021

Il Presidente della Russia Vladimir Putin si è congratulato con Sua Santità il Patriarca Kirill per l’anniversario della sua intronizzazione patriarcale

01.02.2021

Papa Francesco manda al Patriarca Kirill gli auguri natalizi

07.01.2021

Il Sacro Sinodo ha costatato l'impossibilità della comunione eucaristica con l'arcivescovo di Cipro Crisostomo

20.11.2020

В дистанционном формате прошло заседание Священного Синода Русской Православной Церкви

20.11.2020

Dichiarazione del Patriarca di Mosca e di tutta la Rus' Kirill sullo status della chiesa di Santa Sofia

06.07.2020

Messaggio pasquale di Sua Santità Kirill, Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’

18.04.2020

Messaggio natalizio di Sua Santità Kirill, Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’

06.01.2020

Messaggio natalizio di Sua Santità Kirill, Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’

05.01.2019

Il Patriarca Kirill ha discusso per telefono della situazione in Siria con Papa Francesco e i Patriarchi ortodossi del Medio Oriente

14.04.2018

Il Patriarca accoglie delegazione della provincia di Trento

27.02.2018

Messaggio natalizio di Sua Santità Kirill, Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’

06.01.2018

Putin incontra i Primati delle Chiese ortodosse

04.12.2017

Solenne servizio divino a Mosca

04.12.2017

Il metropolita Hilarion: Chiese e comunità religiose diventano bersagli per la comunità LGBT

28.02.2021

Il metropolita Hilarion: il patriarca di Costantinopoli non ha gregge in Ucraina

27.02.2021

Il presidente del DECR ha incontrato il nuovo ambasciatore russo in Ungheria

26.02.2021

Il presidente del Decr ha tenuto un video incontro con il segretario generale dell'Alleanza evangelica mondiale

25.02.2021

Il metropolita Hilarion: i cristiani del Medio Oriente e di altri paesi hanno bisogno della nostra compassione e della nostra preghiera

22.02.2021

Il metropolita Hilarion ha ricordato che sono i peccati umani a causare gli scismi ecclesiastici

22.02.2021

Il metropolita Hilarion: Al centro del dialogo con la Chiesa cattolica sta la situazione dei cristiani in Medio Oriente, la cultura e il lavoro caritativo

22.02.2021

Riunione del Gruppo misto di lavoro per il coordinamento di progetti culturali e sociali tra la Santa Sede e la Chiesa ortodossa russa

12.02.2021

La Conferenza "La Chiesa e la pandemia"

12.02.2021

Relazione del metropolita Hilarion di Volokolamsk alla conferenza "La Chiesa e la pandemia"

12.02.2021

Il metropolita Hilarion sull'abolizione delle disposizioni anti-ecclesiastiche nella legislazione del Montenegro

07.02.2021

Il metropolita Hilarion ritiene blasfemo l’uso dei simboli LGBT insieme a quelli cristiani

31.01.2021

Il metropolita Hilarion di Volokolamsk incontra il capo della missione diplomatica francese a Mosca

25.01.2021

Il metropolita Hilarion: le regole del politicamente corretto non devono giustificare l'intrusione in ciò che è sacro per milioni di persone

25.01.2021

Il metropolita Hilarion: negli Stati Uniti è in atto un deliberato attacco alla struttura tradizionale della famiglia

24.01.2021

Commenti

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

Invia un messaggio