Home page Notizie
Il Sacro Sinodo ha  ricevuto nella Chiesa ortodoss…

Il Sacro Sinodo ha  ricevuto nella Chiesa ortodossa russa il capo dell’Arcivescovado delle chiese di tradizione russa in Europa Occidentale, nonché i sacerdoti e le parrochie che desiderano seguirlo

Il 14 settembre 2019 il Sacro Sinodo ha esaminato l’istanza dell’arcivescovo Jean (Renneteau), capo dell’Arcivescovado delle chiese di tradizione russa in Europa Occidentale, nella quale è stato espresso il desiderio della maggioranza dei sacerdoti e delle parrocchie dell’Arcivescovado di preservare l’unità di quest’ultimo tramite l’adesione alla giurisdizione della Chiesa ortodossa russa. Nel documento è stata anche presentata la richiesta di ricevere l’arcivescovo Jean, nonché tutti i sacerdoti e i fedeli che desiderano seguirlo, nella comunione e l’unità canonica con il Patriarcato di Mosca. L’arcivescovo ha informato che prossimamente una riunione di rappresentanti di tali parrocchie manderà al Patriarca e al Sacro Sinodo le loro proposte sulle eventuali forme della loro organizzazione canonica.

I membri del Sacro Sinodo, dopo aver considerato l’istanza tramite connessione remota, hanno stabilito (verbale № 122):

- di ricevere Sua Eccellenza l’arcivescovo Jean (Renneteau) nella giurisdizione del Patriarcato di Mosca con il titolo “di Dubna”, assieme a tutto il clero e alle parrocchie a lui soggette che hanno espresso tale desiderio;

- di conferire all’arcivescovo Jean l’amministrazione delle parrocchie soprannominate;

- di considerare ulteriormente l’organizzazione canonica di tali parrocchie dopo aver ricevuto le proposte della loro riunione generale, partendo dalle particolarità dell’amministrazione diocesana e parrocchiale, nonché dalle tradizioni liturgiche e pastorali, le quali sono state stabilite dal metropolita Evlogij, tenendo presenti le condizioni dell’attività dell’Arcivescovado nell’Europa Occidentale.

L’Arcivescovado delle chiese di tradizione russa in Europa Occidentale fu fondato nel 1921, quando l’allora arcivescovo Evlogij (Georgievskij) ricevette la giurisdizione temporanea sulle parrocchie russe nell’Europa Occidentale secondo il decreto di San Tichon, il Patriarca di Mosca e di tutte le Russie, del Sacro Sinodo e del Consiglio Ecclesiastico Supremo.

A causa delle circostanze storiche nel 1931 le parrocchie con a capo il metropolita Evlogij furono ricevute in via temporanea nella giurisdizione del Patriarcato di Costantinopoli. Allo stesso tempo, come sottolineava il metropolita Evlogij, ciò significava soltanto “una sospensione temporanea delle relazioni amministrative ufficiali” fino a quando non “sarebbe ristabilito un potere ecclesiastico generalmente riconosciuto e le condizioni normali della vita della Chiesa ortodossa russa”.

Nel 1945 il metropolita Evlogij e due suoi vescovi ausiliari – l’arcivescovo Vladimir e il vescovo Ioann – si rivolsero al Patriarca Alessio I, chiedendo di riceverli insieme alle loro parrocchie in comunione canonica con la Chiesa ortodossa russa. Il 7 settembre 1945 il Sacro Sinodo stabilì: “Rendendo grazie a Dio, considerare il metropolita Evlogij con i suoi ausiliari, l’arcivescovo Vladimir e il vescovo Ioann, e tutte le loro 75 parrocchie, riuniti alla Chiesa Madre e ricevuti nella giurisdizione del Patriarcato di Mosca, conservando nel futuro l’Esarcato delle parrocchie occidentali europee nei suoi confini attuali, con a capo il metropolita Evlogij come esarca del Patriarcato di Mosca, sulla base di uno Statuto, rispettivamente approvato”.

Ciononostante dopo la morte del metropolita Evlogij nel 1946 la gran parte del clero e dei fedeli presero la decisione di tornare nel Patriarcato di Costantinopoli.

Il 27 ottobre 2018 il Sinodo del Patriarcato di Costantinopoli ha preso la decisione di sciogliere l’Arcivescovado.

Il 14 settembre 2018 l’arcivescovo Jean (Renneteau), capo dell’Arcivescovado, ha presentato a Sua Santità il Patriarca di Mosca e di tutte le Russie Kirill la soprannominata istanza. L’arcivescovo ha riferito che nel corso dell’ultima Assemblea plenaria dell’Arcivescovado la maggioranza dei votanti si è espressa in favore del “progetto di adesione canonica al Patriarcato di Mosca, elaborato da una commissione mista, i lavori della quale si sono protratti per tutto l’anno 2019”. Nella stessa lettera Sua Eccellenza ha chiesto di riceverlo, insieme alle parrochie che corrispondono alla maggioranza dei partecipanti all’Assemblea, “nella comunione e unione canonica con il Patriarcato di Mosca per garantire all’Arcivescovado delle chiese di tradizione russa in Europa Occidentale la continuità della vita ecclesiale, liturgica e sacramentale”.

Поделиться:
Condoglianze di Sua Santità il Patriarca Kirill in occasione della morte dell’esponente cristiano indonesiano vescovo Soritua Nababan

10.05.2021

Messaggio pasquale del Patriarca KIRILL di Mosca e di tutta la Rus’ ai vescovi, sacerdoti, diaconi, monaci e tutti i fedeli della Chiesa ortodossa russa  

01.05.2021

Il Patriarca maronita ha ringraziato il Primate della Chiesa russa per la partecipazione al destino dei cristiani del Medio Oriente

13.04.2021

Discorso di Sua Santità il Patriarca Kirill alla riunione del Santo Sinodo il 13 aprile 2021

13.04.2021

La lettera di ringraziamento del Patriarca d’Etiopia Abuna Mattia al Primate della Chiesa ortodossa russa

12.04.2021

Сondoglianze del Patriarca in occasione dell’attentato a Makasar in Indonesia

29.03.2021

Congratulazioni patriarcali all’arcivescovo Serafim di Sendai per il 70° compleanno

23.03.2021

Il Patriarca Kirill si congratula con il metropolita Porfirije per la sua elezione alla Sede Patriarcale serba

18.02.2021

Il Patriarca Kirill è stato insignito della più alta decorazione statale della Serbia

15.02.2021

Il Presidente della Russia Vladimir Putin si è congratulato con Sua Santità il Patriarca Kirill per l’anniversario della sua intronizzazione patriarcale

01.02.2021

Papa Francesco manda al Patriarca Kirill gli auguri natalizi

07.01.2021

Il Sacro Sinodo ha costatato l'impossibilità della comunione eucaristica con l'arcivescovo di Cipro Crisostomo

20.11.2020

В дистанционном формате прошло заседание Священного Синода Русской Православной Церкви

20.11.2020

Dichiarazione del Patriarca di Mosca e di tutta la Rus' Kirill sullo status della chiesa di Santa Sofia

06.07.2020

Messaggio pasquale di Sua Santità Kirill, Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’

18.04.2020

Il metropolita Hilarion: tanti uomini hanno perso la percezione della guerra come un male

09.05.2021

La schiavitù è un peccato, le cui conseguenze influenzeranno a lungo la vita negli Stati Uniti, pensa il metropolita Hilarion

25.04.2021

Il metropolita Hilarion ha commentato i temi trattati nel discorso del Presidente della Russia

25.04.2021

Il metropolita Hilarion ha ricevuto il Nunzio Apostolico in Russia

20.04.2021

Il metropolita Hilarion: facciamo il dialogo con altre confessioni per chiarirgli la nostra posizione

18.04.2021

Il metropolita Hilarion: il Patriarca Bartolomeo non vuole riconoscere il suo errore nella questione ucraina

17.04.2021

Il presidente del Decr ha inviato le condoglianze per la morte del Cardinale Edward Cassidy

12.04.2021

Il metropolita Hilarion: l’attività di un politico non deve contraddire le sue convinzioni religiose

11.04.2021

Il periodo della pandemia non è propizio per i pellegrinaggi all’estero, pensa il metropolita Hilarion

11.04.2021

Il presidente del Decr incontra l'ambasciatore slovacco in Russia

06.04.2021

Il metropolita Hilarion: nei paesi occodentali l’ideologia del gender viene inculcata ai bambini in età da asilo

27.03.2021

Il metropolita Hilarion: la Chiesa non benedice le unioni omosessuali, poiché sono peccaminose

27.03.2021

Il metropolita Hilarion: proprio il cristianesimo ha causato l’abolizione della schiavitù

27.03.2021

Il presidente del Decr si è congratulato con l’arcivescovo Serafim di Sendai per il 70° annivesario

23.03.2021

Il metropolita Hilarion: in Ucraina è stata de facto bandita la Chiesa canonica

20.03.2021

Commenti

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

Invia un messaggio