Home page Notizie
Messaggio natalizio di Sua Santità Kirill, Patriar…

Messaggio natalizio di Sua Santità Kirill, Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’

Messaggio natalizio

di Sua Santità Kirill,

Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’

Ai membri dell’episcopato, del clero, ai monaci e alle monache

e a tutti i fedeli figli e figlie della Chiesa Ortodossa Russa.

 

Eminenze e Eccellenze Reverendissime, reverendi presbiteri e diaconi, venerabili monaci e monache, cari fratelli e sorelle,

porgo a tutti voi i miei più cordiali auguri in occasione della festa luminosa del Natale del nostro Signore e Salvatore Gesù Cristo.

 

Il miracolo dell’incarnazione di Dio, avvenuto più di duemila anni fa, continua a riempire le nostre anime di gioia anche oggi. Oggi Dio viene sulla terra - e l’uomo sale in cielo (stichirà del vespro della Natività). Il Creatore e Provveditore del mondo appare sulla terra, siccome, per la sua bontà, non ha sopportato di vedere il genere umano tormentato dal diavolo (dal rito del battesimo); essendo vinto dall’amore, Colui che non ha inizio e non può essere descritto,  viene per trovare la Sua creatura smarrita (San Romano il Melode, kontakion sulla parabola della dracma perduta).

Si sono avverate le meravigliose profezie dei grandi annunciatori della Parola di Dio, e così all’umanità,  che da millenni aspettava la redenzione e la salvezza, soffrendo dalla dannazione non soltanto durante la vita terrena, ma anche dopo la morte, e essendo sotto il giogo del peccato, è stata aperta la porta dei cieli. Nostro Signore Gesù Cristo riceve la carne dalla sempre fiorente vergine Maria (canone della Natività della Vergine Maria) - e il cherubino che impediva l’accesso al paradiso con la fiamma della spada folgorante, si ritira dall’albero della vita (stichirà del vespro della Natività). Il divino Bambino salva il mondo, essendo nato sotto la Legge, per riscattare quelli che erano sotto la Legge, perché ricevessimo l’adozione a figli” (Gal.4,4-5).

L’umiltà del Signore è impenetrabile: essendo onnipotente, appare agli uomini come un bambino inerme; essendo Dio, riceve la carne peritura e soffre le difficoltà della vita terrena; essendo immortale, volontariamente subisce una morte tormentosa e vergognosa. E non lo fa soltanto per i suoi eletti - profeti, giusti e tutti i suoi servi fedeli. Cristo viene per ognuno di noi, vuole salvare tutti senza eccezioni - peccatori e delinquenti, gli indifferenti, i pigri, i pusillanimi, gli iracondi, e perfino i suoi uccisori!

Il Signore non respinge nessuno, ma invece si riveste della nostra natura umana e la rinnova tramite la sua Incarnazione, Passione e Risurrezione, la eleva e la fa entrare nella profondità  della Santissima Trinità,  santificandola dalla sua permanenza alla destra del trono di Dio. Tutti noi riceviamo lo stesso Corpo di Cristo e il suo sangue, versato per la salvezza del mondo, nel sacramento dell’Eucaristia, diventando così  uniti non soltanto con il Salvatore, ma anche tra di noi.

Oggi però purtroppo vediamo come le onde delle discordie fanno dondolare la barca della Chiesa, come la tempesta degli dissidi e contraddizioni fa venir meno l’unità dei fedeli ortodossi; come alcuni, ottenebrati dal nemico e tentatore, preferiscono alla fonte dell’acqua viva la fonte irrazionale delle eresie fangose e ributtanti (canone della domenica dei Santi Padri del Primo Concilio Ecumenico). In un tempo talmente difficile dobbiamo ricordare che il Signore è nato, ha sofferto ed è risuscitato per ognuno di noi e che ha fondato sulla terra la Chiesa - Una, Santa, Cattolica e Apostolica. Facendo parte della Chiesa, siamo chiamati a superare le discordie, opposizioni e conflitti, a far guarire gli scismi, ad aiutare coloro che soffrono dagli orrori delle guerre, delle persecuzioni e dell’ingiustizia.

Il Signore non nasce in un palazzo reale, bensì in un’umile grotta e in estrema povertà. Infatti, che cosa può essere più misero di una grotta e più umile di una mangiatoia? Però c’è un tale posto: è il deserto del cuore umano, bruciato dal peccato; il cuore che si allontana da Dio e diventa appena tiepido, vuoto, nonce schiavo delle passioni. Però noi siamo in grado di fare della nostra anima un tempio di Dio, ricordarci, che il Signore è vicino, è ormai alle porte, e che lui sta umilmente aspettando finché noi lo vediamo con gli occhi della fede, lo facciamo entrare nella nostra vita, sentiamo le sue parole e rispondiamo al suo amore - lasciando a lui agire in noi.

Tutto il mondo gioisce per la gloriosa Natività  del Salvatore: gli angeli stanno cantando inni di lode, i pastori stanno festeggiando, i magi lo stanno adorando e gli portano i doni, e soltanto il cuore crudele e invidioso di Erode non vuole accettare la verità divina, non la vuole accogliere, ma invece trema - però non trema dal timore di Dio, bensì dalla codardia. Tutti noi dobbiamo chiederci se per caso imitiamo il comportamento di Erode con le nostre azioni, mettendo al primo posto il proprio benessere e comfort, oppure se abbiamo paura che qualcuno possa essere migliore, più buono o più dotato di noi? Se facciamo del male a tali persone,  cercando di colpirle, di compromettere il loro buon nome, di spingerle giù dal piedistallo pur di ingrandire noi stessi? Se per caso percepiamo come la fonte della verità non il Signore e i suoi comandamenti, ma piuttosto noi stessi? Se diventiamo motivo di scandalo per gli altri, presentando le nostre opinioni che giovano soltanto a noi,  come la verità assoluta, o se tagliamo in pezzi la Tunica di Cristo con le nostre azioni ambiziose, se seminiamo discordia e mormorio tra i nostri fratelli nella fede?

Contemplando oggi il Divino Bambino e confrontandoci con la verità di Dio, rigettiamo tutto ciò che è di peso e il peccato (Ebr. 12,1), preghiamo ardentemente per il rafforzamento dell’unità dell’Ortodossia e per l’incremento dell’amore, ricordando che l’amore è paziente, è benevolo; l'amore non invidia; l'amore non si vanta...non cerca il proprio interesse, non s'inasprisce, non addebita il male, non gode dell'ingiustizia...spera ogni cosa, sopporta ogni cosa (1 Cor.13, 4-7).

I testi liturgici della festa glorificano non soltanto il Signore, nato per la nostra salvezza, ma anche coloro che hanno reso possibile la sua incarnazione: la Vergine Maria, il suo sposo San Giuseppe e i santi antenati  del Signore. In questo giorno solenne ricordiamo anche noi i nostri cari: andiamo a trovare i nostril amici e parenti, siamo più attenti a loro, troviamo per loro delle parole buone, ringraziamo loro per tutto ciò che  fanno per noi! Che il Signore misericordioso “eterno e non penetrabile, Colui che è della stessa sostanza del Padre invisibile”, abiti nei nostri cuori, colmi dell’amore a Dio e al prossimo”! Amen.


In altre lingue:

Поделиться:
Il Patriarca Kirill si congratula con il metropolita Porfirije per la sua elezione alla Sede Patriarcale serba

18.02.2021

Il Patriarca Kirill è stato insignito della più alta decorazione statale della Serbia

15.02.2021

Il Presidente della Russia Vladimir Putin si è congratulato con Sua Santità il Patriarca Kirill per l’anniversario della sua intronizzazione patriarcale

01.02.2021

Papa Francesco manda al Patriarca Kirill gli auguri natalizi

07.01.2021

Il Sacro Sinodo ha costatato l'impossibilità della comunione eucaristica con l'arcivescovo di Cipro Crisostomo

20.11.2020

В дистанционном формате прошло заседание Священного Синода Русской Православной Церкви

20.11.2020

Dichiarazione del Patriarca di Mosca e di tutta la Rus' Kirill sullo status della chiesa di Santa Sofia

06.07.2020

Messaggio pasquale di Sua Santità Kirill, Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’

18.04.2020

Messaggio natalizio di Sua Santità Kirill, Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’

06.01.2020

Messaggio natalizio di Sua Santità Kirill, Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’

05.01.2019

Il Patriarca Kirill ha discusso per telefono della situazione in Siria con Papa Francesco e i Patriarchi ortodossi del Medio Oriente

14.04.2018

Il Patriarca accoglie delegazione della provincia di Trento

27.02.2018

Messaggio natalizio di Sua Santità Kirill, Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’

06.01.2018

Putin incontra i Primati delle Chiese ortodosse

04.12.2017

Solenne servizio divino a Mosca

04.12.2017

Il metropolita Hilarion: il patriarca di Costantinopoli non ha gregge in Ucraina

27.02.2021

Il presidente del Decr ha tenuto un video incontro con il segretario generale dell'Alleanza evangelica mondiale

25.02.2021

Il metropolita Hilarion: i cristiani del Medio Oriente e di altri paesi hanno bisogno della nostra compassione e della nostra preghiera

22.02.2021

Il metropolita Hilarion ha ricordato che sono i peccati umani a causare gli scismi ecclesiastici

22.02.2021

Il metropolita Hilarion: Al centro del dialogo con la Chiesa cattolica sta la situazione dei cristiani in Medio Oriente, la cultura e il lavoro caritativo

22.02.2021

Riunione del Gruppo misto di lavoro per il coordinamento di progetti culturali e sociali tra la Santa Sede e la Chiesa ortodossa russa

12.02.2021

La Conferenza "La Chiesa e la pandemia"

12.02.2021

Relazione del metropolita Hilarion di Volokolamsk alla conferenza "La Chiesa e la pandemia"

12.02.2021

Il metropolita Hilarion sull'abolizione delle disposizioni anti-ecclesiastiche nella legislazione del Montenegro

07.02.2021

Il metropolita Hilarion ritiene blasfemo l’uso dei simboli LGBT insieme a quelli cristiani

31.01.2021

Il metropolita Hilarion di Volokolamsk incontra il capo della missione diplomatica francese a Mosca

25.01.2021

Il metropolita Hilarion: le regole del politicamente corretto non devono giustificare l'intrusione in ciò che è sacro per milioni di persone

25.01.2021

Il metropolita Hilarion: negli Stati Uniti è in atto un deliberato attacco alla struttura tradizionale della famiglia

24.01.2021

Il Consiglio Presidenziale per la cooperazione con le associazioni religiose si riunisce per una sessione regolare

21.01.2021

Le azioni di estremisti hanno causato un serio squilibrio nelle secolari relazioni cristiano-islamiche sul suolo siriano, afferma il metropolita Hilarion

17.01.2021

Commenti

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

Invia un messaggio