Il 3 giugno 2015, giorno della festa dei Santi Costantino ed Elena, è stata celebrata la festa patronale della chiesa che si trova sul territorio della residenza estiva del Consolato Generale della Federazione Russa a Buyuk-Dere, nei pressi di Istanbul.

Al culto era presente Sua Santità il Patriarca Bartolomeo di Costantinopoli e i membri del Sacro Sinodo del Patriarcato di Costantinopoli. Con la benedizione di Sua Santità il Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’ Kirill, al culto ha preso parte il rappresentante del Patriarcato di Mosca – rettore della Rappresentanza della Chiesa ortodossa russa a Karlovy Vary (Repubblica Ceca), arciprete Nikolaj Lischenyuk.

Nel tempio erano presenti il console generale della Russia a Istanbul A.V. Erkhov e altri membri della missione diplomatica russa, il console generale della Bulgaria A.V. Radoslavov, diversi russi residenti in Turchia, fra i quali i discendenti della prima ondata dell’emigrazione, che hanno mantenuto fedelmente la storia e le tradizioni dell’Ortodossia russa in Turchia.

Al termine della Divina Liturgia, celebrata dall’archimandrita maggiore della Chiesa di Costantinopoli Vissarion (Komzias), Sua Santità il Patriarca Bartolomeo si è rivolto ai presenti; Egli ha ricordato con affetto la cerimonia di consacrazione del tempio nel 2009 insieme a Sua Santità il Patriarca Kirill e ha chiesto al rappresentante del Patriarcato di Mosca di porgere a Sua Santità il suo saluto fraterno.

A nome della Chiesa ortodossa russa, l’arciprete Nikolaj Lischenyuk si è rivolto a Sua Santità il Patriarca di Costantinopoli Bartolomeo e in ricordo della festa ha consegnato a Sua Santità l’immagine della Chiesa dei Santi Pietro e Paolo di Karlovy Vary, uno dei templi più belli della Chiesa ortodossa russa in Europa. Alla chiesa del Consolato è stata donata l’immagine dei santi Cirillo e Metodio, illuminatori degli slavi.

In occasione della festa il console generale ha dato un ricevimento.

________________________

 

Il piccolo tempio dei Santi Costantino ed Elena è stato costruito nel 1832 sul territorio della residenza estiva dell’Ambasciata dell’Impero russo. Dopo la rivoluzione è stato chiuso.

Durante il periodo sovietico, la chiesa era usata come locale per la caldaia. Ad oggi, nel territorio della residenza estiva sono stati compiuti importanti lavori di riparazione, tra cui il restauro della chiesa.

Il 6 luglio 2009, Sua Santità il Patriarca Bartolomeo di Costantinopoli e Sua Santità il Patriarca di Mosca e tutta la Rus’ Kirill hanno eseguito il rito della grande consacrazione della chiesetta dei Santi Costantino ed Elena e poi Sua Santità il Patriarca Kirill ha celebrato la Divina Liturgia nel tempio appena consacrato.